'Chiuso per disperazione'. Il cartello su un negozio di Piazza Dante illustra i nostri tempi

Non possiamo che essere vicini a questi lavoratori

La Redazione La Foto della Settimana
visibility4025 - OkMugello - lunedì 09 novembre 2020
Chiuso per disperazione... Il cartello comparso a Borgo
Chiuso per disperazione... Il cartello comparso a Borgo © OK!Mugello

La nuova Foto del Giorno di OK!Mugello è stata scattata in Piazza Dante a Borgo San Lorenzo. Sulla saracinesca abbassata di un noto esercizio commerciale si legge: Chiuso per disperazione. Ci vediamo a febbraio (speriamo).

E purtroppo è proprio questo lo stato d'animo di molti esercenti e lavoratori. Non possiamo che fare il nostro lavoro, raccontare il nostro Mugello e sperare, come tutti, che questo brutto periodo passi presto.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Sampei ha scritto il 14 novembre 2020 alle 23:46 :

    Veramente mi pareva che il negozio chiudesse sempre in questi periodi. Rispondi a Sampei

  • Sergio ha scritto il 12 novembre 2020 alle 20:20 :

    Io mi domando che cavolo ha fatto chi ci governa per tutto il periodo estivo, se non quello di pavoneggiarsi e dire che il sistema Italia era il vincente, ci ha scritto pure un libro il Sig Speranza, per poi ritirarlo frettolosamente. I cartelli che leggevo nella prima ondata erano cartelli di ottimismo adesso di disperazione. Se siamo alla frutta non è certo colpa degli italiani. Rispondi a Sergio

  • franca pecorini ha scritto il 11 novembre 2020 alle 11:36 :

    Ma scusate se non si esce come si fa a comprare nei negozi? Forse per questo che le attività chiudono? Rispondi a franca pecorini

  • Paolo ha scritto il 09 novembre 2020 alle 16:46 :

    Magari è uno di quelli che ieri era a giro senza motivo... Finché ci saranno coglioni che se ne fanno a giro fregandosene di tutto e tutti, e non capiranno che NON BISOGNA USCIRE SENZA MOTIVO... saremo costretti a vedere sempre più saracinesche chiuse. Perché andando avanti così non se ne esce!!! LO CAPITE O NO???? Rispondi a Paolo

    Emanuele ha scritto il 10 novembre 2020 alle 19:16 :

    Ecco un’altro frustrato....chi ti scrive è uno che si adegua alle regole ed anche parecchio...ma sa anche distinguere un frustato da un tranquillo cittadino..già i toni che usi..coglione non si scrive... Rispondi a Emanuele

    Sandro bedessi ha scritto il 10 novembre 2020 alle 08:00 :

    Magari è lei è uno di quelli che li potrebbe evitare questi commenti del kaiser Rispondi a Sandro bedessi