La Iena Matteo Viviani - Essere positivi aiuta ad essere felici

Il popolare conduttore e inviato della trasmissione Le Iene si concede ad un intervista realizzata da Francesca

Francesca Apricena Le interviste di Francesca
visibility9338 - OkMugello - domenica 17 maggio 2020
Matteo Viviani inviato delle Iene
Matteo Viviani inviato delle Iene © n.c

Ogni volta un passo in più. Questa volta coadiuvata dall'amica Simona, ci siamo dirette, virtualmente, verso Arezzo per incontrare e intervistare colui che affianca gli altri colleghi della trasmissione LE IENE. Di chi sto parlando? Ma del bello, attento e coinvolgente Matteo Viviani.

Ciao Matteo, grazie per averci concesso questa intervista. Ti propongo una serie di domande a cui mi risponderai con dei vocali per montare poi il podcast. Le mie interviste sono un pò fuori dagli schemi. Facciamo presente al lettore che le risposte di Matteo Viviani, che trovate qui di seguito, non sono complete, proprio per invitarvi ad ascoltare il podcast, il quale contiene anche l'emozione e l'atmosfera della stessa risposta.


Iniziamo subito con le domande:

Sei proprio imprevedibile… da Orafo e pittore a Iena! Cosa ti ha spinto a fare questo passo??

Non si tratta di essere imprevedibili, si tratta di camminare senza mai stancarsi di guardarsi attorno. Per capire cosa può attirare la tua attenzione, che cosa può migliorarti, e migliorare la tua vita. Come rispondere alla famosa domanda che ognuno si fa da giovane riguardo al proprio futuro che è: cosa farò da grande?

Ti sei trasferito da Arezzo a Milano, ma non ti manca la nostra amata Toscana? Noi siamo immersi nel verde del Mugello

Certo che mi manca la Toscana, Io adoro la Toscana, è un toccasana è un qualcosa di disintossicante per me. Non a caso ora, con la mia famiglia (ndr. Nel 2013 si è sposato con la super conosciuta Liudmila Radchenko) appena possiamo, soprattutto in estate e a cavallo di Natale ci prendiamo dei piccoli periodi, ma più lunghi possibili...

Raccontaci, se ti va, a cosa ti sei ispirato e di cosa parla il tuo libro “La crisalide nel fango!”

La “Crisalide nel fango"(2015), è stato definito un romanzo noir, in chiave Pulp, e parla sostanzialmente di 3 personaggi speculari che in un modo o nell’altro vedono intersecarsi le loro vite ma non mi soffermerei tanto sul “cosa parla”, piuttosto di chi si ritrova a leggere il mio libro probabilmente arriverà...

Da dove hai preso la ispirazione?

Ma non c’è stata un’ispirazione. C’è stato un impellente bisogno di scriverlo, un qualcosa che prescindesse totalmente è completamente dal lavoro che faccio e dalla mia vita ...

Nel 2015 hai ricevuto una minaccia di morte, come l’hai vissuta? E’ cambiato qualcosa nel tuo modo di vivere?

Non è cambiato nulla in realtà è stata la minaccia di morte più seria che ho ricevuto, ma prima di essa ce ne sono state altre un po’ più velate, un po’ meno dirette un po’ meno concrete. Però diciamo che non è una questione che riguarda solo me, riguarda tutti coloro che fanno un determinato tipo di professione...

6. Ludmila in un post scrive: “presto tutto tornerà alla normalità.. basta essere positivi.. tutti..". Siete sempre positivi?

Bisogna essere positivi se si parte dal presupposto che l’essere negativo non porta a nulla, se non a peggiorare la propria condizione di vita o la propria condizione psicologica. Soprattutto questo perché essere negativi non significa essere più accorti, non significa essere più attenti, più ligi al seguire le regole che ci vengono imposte...

Come state vivendo questa “quarantena”?

Stiamo vivendo da fortunati. Perchè noi siamo andati a passare un weekend in una nostra casa di montagna, che è in un microscopico paesino disperso tra le montagne della Valsesia il weekend precedente al primo decreto. Indi per cui ci siamo trovati lì nel momento in cui la tenaglia iniziava a chiudersi e li abbiamo deciso di rimanere gli e spostare il nostro domicilio...

Quanto sono cambiati i modi di condurre i servizi e il programma? Immagino non sia facile

Sono cambiati moltissimo i modi per quanto riguarda i servizi, noi ed ognuno di noi, per quanto sia possibile, o perlomeno parlo sicuramente del sottoscritto, tenta di realizzare il possibile, da remoto, per cui facciamo interviste anche banalmente usando Skype, o piattaforme come zoom o altro...

... Intervista finita. Spero che tu sia soddisfatta e spero di aver risposto in maniera esaustiva alle tue domande ...

Sono felicissima di questa occasione. Spero che l'intervista sia piaciuta ai lettori di OKMugello e ringrazio infinitamente Matteo Viviani per la sua gentilezza e disponibilità. Questa intervista, come anche tutte le altre della rubrica "Le interviste di Francesca" sono disponibili su tutte le piattaforme di streaming audio e podcast, quali: Apple Podcast, Spotify, Google Podcast, Castbox, Deezer e altri.


Lascia il tuo commento
commenti