Paolo Cochi Il Mostro di Firenze al di là di ogni ragionevole dubbio Leggi tutti gli articoli

La Rubrica

Una lettura critica, a seguito dello studio effettuato dall'autore, sulle varie piste seguite in quasi mezzo secolo di indagini che hanno tralasciato e non considerato elementi importanti come la cosidetta ipotesi del Mugello.

L'Autore

Reporter , documentarista e scrittore, segue il caso del mostro di Firenze da più di venti anni. Ha realizzato come autore e regista vari documentari e reportage e molteplici trasmissioni televisive. Ha realizzato una serie di puntate televisive su RTV38 di cronaca nera dedicata ai casi irrisolti. Nel 2017 , la serie di approfondimento "Doc Crime" , dall'omicidio Pasolini al caso Meredith. Il delitto di Via Poma al caso Narducci. Vive e lavora a Roma, nel settore della comunicazione cine/televisiva, affrontando spesso vicende storiche e misteriose, in modo scientifico.

Gli ultimi articoli di Paolo CochiVedi tutti

Il mostro di Firenze torna al cinema

domenica 8 marzo 2020
Il regista Ferrario: "Oggi il film sul mostro di Firenze, lo rappresenterei nello stesso modo, sostanzialmente in 44 anni, le verità non sono cambiate"

Roberta Bruzzone: Non ho mai creduto all’ipotesi Pacciani mostro. Nè tantomeno ai compagni di merende

martedì 3 marzo 2020
Questo personaggio era qualcuno che si muoveva agevolmente all’interno di certi ambienti. Trovare la Beretta è fondamentale. L’ipotesi che l’arma sia quella rubata a Borgo e mai ritrovata è assoluta interessante e percorribile

Mostro di Firenze: scoperta la rivista con cui fu redatta la lettera di sfida

mercoledì 26 febbraio 2020
Trovato il numero ed il nome della rivista usata dal mostro, per comporre la lettera inviata al magistrato

“Al di la’ di ogni ragionevole Dubbio”. I processi al “mostro “ analizzati dal punto di vista giuridico.

sabato 22 febbraio 2020
Il Magistrato Valerio De Gioia spiega: “I compagni di merende oggi sarebbero stati assolti. Il ragionevole dubbio è un principio di civiltà giuridica caposaldo del nostro ordinamento”