Girandola di note per Paolo Belli. Un successo apre la stagione a Vicchio

Massimiliano Miniati

Girandola di note per Paolo Belli. Un successo apre la stagione a Vicchio

Girandola di note per Paolo Belli. Un successo apre la stagione a Vicchio
24/11/2018

Straordinario successo per l’ inaugurazione della nuova stagione del teatro Giotto di Vicchio: Una girandola di note per Paolo Belli in “Pur di fare musica”. Inaugurazione con tutto esaurito per la nuova stagione del teatro Giotto di Vicchio che venerdi 23 novembre che ha aperto il sipario con Paolo Belli in “Pur di fare musica” di Paolo Belli e Alberto Di Risio regia Alberto Di Risio.

Già dall’inizio l’ex leader dei “Ladri di biciclette” e la Colonna musicale di “Ballando con le stelle” sul palco di Vicchio insieme a Juan Carlos Albelo Zamora, Giuseppe Stefanelli, Mauro Parma, Paolo Varoli, Gaetano Puzzutiello, GabrieleCostantini, Enzo Proietti è ruscito suscitare una sfrenata simpatia, scendendo in platea per interagire con il pubblico.
Poi i brani musicali che l’hanno reso famoso, “Sotto questo sole”e quella “Ho voglia di ballare” colonna sonora del talent di danza che da anni imperversa su Raiuno.
Belli si racconta mentre, uno dopo l’altro inserisce gli elementi di un’orchestra veramente straordinaria che a ritmo del swing più sfrenato lo accompagna per le quasi due ore di musica.

Non è un concerto, ma non è neppure una commedia, loro lo definiscono un “Cazzeggio” e comunque lo si voglia etichettare “Pur di fare musica” è uno spettacolo bello, divertente, trascinante per un pubblico di tutte le età.

Una versione di “Libertango” da brividi, ed ancora “Tu vò fà l’americano” e racconta un episodio a Little Italy dove, dopo un sacco di complimenti da parte di un italoamericano si rende conto di essere stato scambiato per Pupo (divertente ma forse se durasse due minuti meno sarebbe meglio) ed ancora parla della madre e di come lo portasse a scuola di musica e ringrazia tutte le madri che cercano, sopportando ore di scale ed accordi, di iniziare i figli alla musica.

Parla del brano scritto per lui da Vasco Rossi, canta Jannacci sempre giocando con gli elementi della band che uno ad uno dimostrano doti eccezionali e termina lo spettacolo sotto la cascata di applausi sinceri di un pubblico che ha tenuto il ritmo, che ha cantato, che ha riso e si è divertito ascoltando uno show-man veramente grande che con grande’ironia ha dimostrato di essere disposto a tutto “Pur di fare musica”!

Massimiliano Miniati


Attore e scrittore. Cura la rubrica di cultura e spettacoli per OK!Mugello e per il settimanale Il Galletto.

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA