Padre Massimo da Porretta a 50 anni dalla morte

Saverio Zeni

Padre Massimo da Porretta a 50 anni dalla morte

Padre Massimo da Porretta a 50 anni dalla morte
07/07/2019

Il Villaggio San Francesco a Senni ha una storia legata strettamente alla terra del Mugello. Nei primi decenni del Novecento – e non solo nelle terre mugellane – per chi doveva vivere del lavoro della terra era impossibile potersi occupare di vecchi e di disabili – o, come si diceva allora, poveri di mente.

La terra, con le sue stagioni imprevedibili ed a volte crudeli, con i suoi tempi assillanti e assorbenti, è sempre stata dura, soprattutto con i contadini più poveri. Allora soprattutto, con l’impegno delle sole braccia, non faceva sconti e pretendeva la disponibilità di chiunque fosse in grado di lavorare, dai bambini ai vecchi. Per chi non ce la faceva, c’era l’abbandono e la solitudine in case che non erano certo accoglienti.

In quegli anni un frate minore cappuccino, Padre Massimo da Porretta, girando per queste terre e toccando con mano la disperazione e la solitudine di quei poveri diseredati, decise di raccoglierli e di dare loro un asilo, delle cure, assistenza e compagnia. Lo Stato sociale era lungi dal venire e tutto ricadeva così sulle spalle di questo frate e sulla sua capacità di fare appello alla generosità della gente del Mugello.

Il Villaggio San Francesco, grande complesso di accoglienza e servizio ad anziani – per lo più non autosufficienti – e persone affette da gravi handicap, è nato e si è sviluppato proprio grazie alla Fede di Padre Massimo e alla Carità dei mugellani. Nonché alla preghiere e benedizioni dei tanti che Padre Massimo ha coinvolto, primo fra tutti San Pio da Pietralcina. La vita terrena di Padre Massimo si concluse il 10 luglio 1969.

A 50 anni dalla morte il Villaggio San Francesco vuole ricordare il suo fondatore ed invita gli abitanti del Mugello ad unirsi e partecipare martedì 9 luglio 2019 a questo ricordo che vedrà la celebrazione della Santa Messa alle 16,30 nella Chiesa del Villaggio San Francesco in via Senni 61, cui seguirà, nel Compostela Forum all’interno dello stesso Villaggio, una cerimonia commemorativa. Al saluto di Rosetta Acquaro, Ministra della Congregazione del Terz’Ordine Francescano di Borgo S. Lorenzo, seguirà l’intervento del giornalista e scrittore Aldo Giovannini che tratteggerà il contesto sociale in cui operò Padre Massimo e concluderà S.E. Mons. Giovanni Roncari, cappuccino, vescovo di Pitigliano, Sovana ed Orbetello che parlerà dell’eredità di Padre Massimo e della missione identitaria del Villaggio San Francesco oggi, alla luce dell’insegnamento carismatico di Padre Massimo da Porretta.

Seguirà un momento conviviale. Tutti sono gentilmente invitati.

Foto in apertura: Una bella immagine di Padre Massimo da Porretta accanto a Padre  Giustino davanti al Cenacolo “chiniano” del Terzo Ordine Francescano, attiguo al Convento di San Carlo.

Due iconografie  della Casa di Riposo San Francesco dopo l’inaugurazione.

(Archivo A.Giovannini)

Saverio Zeni


Responsabile del quotidiano online OK!Mugello.it, attualmente Project Manager presso Sindimedia Srl. Esperto in comunicazione digitale e delle tematiche relative alla Green Economy, sviluppo sostenibile. Solution manager e consulente per aziende. Ideatore e creativo per progetti di comunicazione online.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA