Il piccolo Alex torna a casa dopo il trapianto di midollo

Saverio Zeni

Lieto fine per una storia seguita anche da OK!Mugello

Il piccolo Alex torna a casa dopo il trapianto di midollo

Il piccolo Alex torna a casa dopo il trapianto di midollo
19/04/2019

Una bella notizia è stata appena diffusa sui media nazionali, il piccolo Alex è guarito è può tornare a casa. Una notizia che rallegra la settimana pasquale. Anche OK!Mugello ha partecipato, svolgendo il proprio lavoro, alla grande gara di solidarietà che (in seguito all’appello del padre) mobilitò migliaia di giovani dai 18 ai 36 anni affinché si trovasse un donatore di midollo compatibile con il piccolo Alex. In tutta Italia, da Milano a Palermo, da Torino a Trento, furono organizzati tavoli per il prelievo del sangue per effettuare il test di compatibilità.

Fu uno “tsunami”, come lo definì il papà del piccolo dichiarando: “È importante che chi può continui a iscriversi ai registri dei donatori di midollo, non lo dico per mio figlio ma per tutti i pazienti che sono in attesa. Chi diventa donatore lo fa per tutti i malati“.

Il professor Localtelli, oncoematologo del Bambino Gesù, ha dato la notizia che Alessandro può tornare a casa con i suoi genitori, dichiarando: “Sì, possiamo dire che Alex sia completamente guarito. Abbiamo tolto anche il catetere venoso centrale servito per i prelievi e infusioni di midollo nel periodo del trattamento intensivo…  Sta molto bene, anche la frequenza dei controlli è sempre più prolungata e siamo straordinariamente soddisfatti di come sono andate le cose. Il bambino è pronto a riprendere la vita che tutti i bambini della sua età dovrebbero avere. E questa notizia ci impreziosisce la Pasqua”.

Saverio Zeni


Responsabile del quotidiano online OK!Mugello.it, attualmente Project Manager presso Sindimedia Srl. Esperto in comunicazione digitale e delle tematiche relative alla Green Economy, sviluppo sostenibile. Solution manager e consulente per aziende. Ideatore e creativo per progetti di comunicazione online.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA