Decreto ristori. Contributi a fondo perduto, prorogati cassa integrazione e stop licenziamenti

Politica
visibility764 - martedì 27 ottobre 2020
di Redazione
Più informazioni su
Il premier Conte
Il premier Conte © N.c.

Poco fa (alle 20 di martedì 27 ottobre) il premier Giuseppe Conte ha presentato il Decreto Ristori, che stanzia 5 miliardi di euro in favore delle categorie colpire dall'ultimo Dpcm. Si tratta di contributi a fondo perduto che arriveranno direttamente sul conto corrente delle categorie interessate. Prima saranno erogati a chi aveva già aderito alla prima edizione (si parla della metà di novembre), poi agli altri.

Per fare alcuni esempi (come scrive il quotidiano La Repubblica) ai ristoratori potranno arrivare fino a 25mila euro, ai teatri da 5 a 30mila e Tra le misure un credito d'imposta per gli affitto commerciali: per il mesi di ottobre, novembre e dicembre, l'esenzione dalla seconda rata Imu, la sospensione dei versamenti contributivi per il mese di novembre. Si è stabilito di estendere la cassa integrazione Covid fino al 31 gennaio, e anche lo stop ai licenziamenti

Poi l'indennità specifica per i lavoratori dello spettacolo e del turismo (mille euro ciascuno) e un fondo di cento milioni per la filiera agricola. Per il settore agricolo di cancellano i versamenti dei contributi per il mese di novembre.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mugelli Giampiero ha scritto il 30 ottobre 2020 alle 14:08 :

    questo signore, poco signore non può continuare a prendere per il sellino le persone serie che hanno voglia di una vita tranquilla e lavorativa. Forse non sa cosa vuol dire lavorare ogni giorno e far tornare i conti. Certamente ha dimostrato la sua incapacità nel fare il suo mestiere perché ha fatto: molto fumo e poco arrosto come i suoi subalterni. Promesse tante ma risultati pochissimi e fatti male. Come può dare soldi alla gente quando non ce ne sono oppure sono bugie. i Oppure chiede un prestito all'Europa? Ma poi vanno resi, oppure aumenta il debito pubblico e ha pagarlo tocca al popolo italiano con altre ritorsioni e tasse Rispondi a Mugelli Giampiero