Minacce al ristoratore per il pranzo di Salvini. Lega: "Inqualificabile". E chiama in causa Marini

Il sindaco di Pontassieve accusato perché il suo gruppo avrebbe definito Salvini 'Ospite non gradito'. Accusa la Lega: 'Così si surriscaldano gli animi'

Politica
visibility4318 - mercoledì 09 settembre 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Matteo Salvini
Matteo Salvini © Radio Alfa

La nota della Lega Toscana sull'episodio che abbiamo denunciato ieri (clicca qui): "Per l'ennesima volta-afferma amareggiato Daniele Belotti, Commissario regionale della Lega Toscana-dobbiamo segnalare un altro inqualificabile episodio che fa seguito ad una serie di atti vandalici nei confronti di sedi del nostro partito." "Dopo il ristorante di Bagno a Ripoli, la gelateria di Orbetello, il caseificio Busti, infatti-prosegue l'esponente leghista-anche un locale di Pontassieve ha ricevuto talmente tante pesanti minacce che ha dovuto, giocoforza, rinunciare ad ospitare a pranzo il nostro Segretario Federale Matteo Salvini." "Un fatto grave-precisa Belotti-a cui si aggiunge quanto affermato via social dalla lista del Sindaco Monica Marini; certo non un modo, il suo, per calmare gli animi, ma anzi una presa di posizione quantomai inopportuna." "Il gruppo del primo cittadino pontassievese-sottolinea il rappresentante della Lega-in un lungo post infarcito di retorica, rileva che Pontassieve sia una località accogliente, ma che Salvini non sia un ospite gradito; è questa le democrazia della sinistra di Pontassieve?" "Insomma- conclude Daniele Belotti-ci farebe davvero piacere conoscere il parere del democratico Giani su tutti questi episodi che stanno caratterizzando una campagna elettorale rancorosa ed indegna nei confronti del nostro Segretario e di tutta la Lega."
Lega Toscana

Lascia il tuo commento
commenti