Spazio giochi San Godenzo. Interviene anche Petronici (Fratelli d'Italia)

Politica
visibility173 - giovedì 28 novembre 2019
di Lisa Baroncelli
Più informazioni su
Scuole San Godenzo
Scuole San Godenzo © Comune di San Godenzo

Anche Cristian Petronici di Fratelli d’Italia Valdisieve ha inviato una nota alla stampa per esprimere il suo parere in merito alla scelta del nuovo servizio Uno, due,tre nel comune di San Godenzo.

Nella nota si legge: “dopo aver letto è visionato l’ultimo comunicato del Centrosinistra per San Godenzo e quello dell'attuale amministrazione non possiamo che dire che noi siamo sempre a favore della sicurezza, soprattutto quella dei bambini”.

“Contestiamo tutto il comunicato di Alessandro Manni (…). Noi preferiamo far stare i bambini in un stabile con maggior sicurezza come quello attuale”.

“Sappiamo tutti che – continua Petronici - lo spazio Uno, Due,Tre era dedicato hai bimbi con età inferiore ai 36 mesi. Occupava due pomeriggi con accompagnatore per ogni bimbo e la mattina in via sperimentale con i bimbi alle educatrici e con un costo di 45 euro mensili. Ora invece l'amministrazione attuale potenzia il servizio mattutino sperimentato con un maggior personale, quindi quando si migliora come si può dare torto?”

“(…) Non capiamo la polemica del gruppo del Centrosinistra dopo la precisazione data dall’attuale amministrazione che riportiamo qui: (…)Veniamo alla scelta della sede del nuovo “Uno, Due e Tre”: è vero, abbiamo ridotto gli spazi della scuola dell’infanzia, (rimanendo comunque ampiamente nei limiti di legge), anche se solo per le tre mattine in cui si svolge lo spazio gioco (nel restante tempo i locali sono sempre a disposizione dei bambini della scuola dell’infanzia). È vero anche che i bambini che usufruiscono del servizio “Uno, Due e Tre” hanno a disposizione meno spazio degli anni precedenti. Il motivo? Semplice, nei 10 anni di Spazio gioco “Uno, Due e Tre” l’amministrazione Manni ha strutturato lo spazio gioco pomeridiano in uno stabile a cui non erano state effettuate le verifiche di stabilità, una cosa impensabile per noi che, infatti, abbiamo subito eseguito le verifiche del caso. Abbiamo avuto la conferma di quello che sospettavamo: quegli edifici non possono accogliere nessun servizio equiparabile a quello scolastico; pertanto abbiamo dovuto trovare un’altra sede per garantire anche ai più piccoli un percorso educativo in locali adeguati e sicuri dal punto di vista statico e sismico. Da qui la scelta di ristrutturare un’aula della scuola dell’infanzia. Abbiamo anche migliorato il livello di sicurezza riguardo il rischio incendi con il montaggio di nr.3 porte tagliafuoco che isolano il locale mensa dal resto degli stabili”.

“Dopo questa spiegazione precisa – conclude Petronici - noi contestiamo e rigettiamo la nota del Centrosinistra, che per noi ha sbagliato e suggeriamo, prima di fare opposizione, di pensare alla propria governance, che, in passato ci voleva a tutti i costi far diventare una frazione. Con questa ‘operazione’ fatta dalla nuova amministrazione si è dimostrato che un’eccellenza come le scuole di San Godenzo rimane al primo posto ed è quindi inutile opporsi ad un’operazione volta, a nostro avviso, a garantire maggior sicurezza ai bambini”.

Lascia il tuo commento
commenti