Borgo. Si è dimesso l'assessore allo Sport Timpanelli: "Divergenze sul centro piscine"

Gli era stata comunicata per mail ed sms la redistribuzione delle deleghe, togliendogli lo sport. Afferma riferito alle piscine: "Una posizione la mia che, evidentemente, ha portato il sindaco alla revoca della delega sportiva".

Politica
visibility1207 - mercoledì 12 gennaio 2022
di Redazione
Più informazioni su
Gabriele Timpanelli
Gabriele Timpanelli © Fotocronache Germogli

L'annuncio che questo pomeriggio ha fatto tremare le politica e lo sport borghigiani. Spiega infatti Gabriele Timpanelli:

Ho appena rassegnato le dimissioni da Assessore del Comune di Borgo San Lorenzo, dopo aver appreso, per le vie brevi (un semplice sms e una email) e senza nessun tipo di confronto nell’amministrazione e nel Partito Democratico, la redistribuzione delle deleghe assegnatemi da parte del Sindaco, togliendomi lo Sport.

In questi anni ci sono state impostazioni politiche differenti e, sulla vicenda della gestione del Centro Piscine, una precisa divergenza di vedute. Una posizione la mia che, evidentemente, ha portato il sindaco alla revoca della delega sportiva.

Ritengo che la questione della gestione del Centro Piscine non si è mai voluta affrontare realmente e ha portato a creare un malessere collettivo, dalle società sportive, alle scuole, agli utenti fino ai propri collaboratori che spero di cuore si possa affrontare il prima possibile, per ridare un po’ di serenità a chi ci lavora e a chi porta avanti la pratica sportiva.

Ho cercato di collaborare con responsabilità con tutti gli Assessori, i Consiglieri, i dipendenti Comunali oltre che a tutte le persone che ho avuto modo di incontrare in questi anni, dalle società sportive alle altre realtà del territorio.

Da quando, nel 2009, ho avuto l’onore e la fortuna di entrare ad occuparmi della cosa pubblica ho sempre cercato di non perdere mai di vista i miei valori e la capacità di saper ascoltare, rispettando ogni singola posizione, con il massimo impegno, trasparenza e disponibilità, senza urlare.

E’ evidente che non sussistano più le condizioni per poter svolgere serenamente e al massimo delle mie possibilità il mio lavoro; per questo ho ritenuto opportuno è corretto rimettere il mio mandato.

Ringrazio tutte quelle persone, realtà sportive e associative che ho avuto la fortuna di incontrare in questo percorso.

Ringrazio, infine, chi mi ha dato fiducia e sostegno in questi anni.

Lascia il tuo commento
commenti