Borgo in Comune denuncia lo 'smantellamento' del cantiere comunale

Affermano i consiglieri di opposizione: 'E' stata una scelta politica. E ora se ne pagano le conseguenze'. E denunciano i frequenti affidamenti a ditte esterne

Politica
visibility700 - lunedì 04 ottobre 2021
di redazione
Più informazioni su
La sede del cantiere comunale a Borgo San Lorenzo
La sede del cantiere comunale a Borgo San Lorenzo © Google

Il duro atto di accusa di Borgo in Comune in merito a quello che viene definito lo 'smantellamento' del cantiere comunale:

Lo smantellamento del cantiere comunale è stata una scelta politica. Ora Borgo ne paga le conseguenze. 
Abbiamo ascoltato con preoccupazione la risposta all’interrogazione che abbiamo fatto sullo stato del cantiere comunale, l’ennesima risposta che la Giunta ha delegato all’Ufficio tecnico, a dimostrare ancora una volta come la questione dell’assenza di un cantiere comunale ben funzionante non rientri nelle prospettive politiche dell’Amministrazione.

Eppure la questione non è solo un problema di gestione tecnica delle risorse del Comune. Avere un cantiere comunale ben funzionante vuol dire riuscire a far fronte adeguatamente agli interventi necessari senza dover ricorrere a ditte esterne, cosa che comporta un costo e non permette sempre di portare a termine le opere di cui il nostro Comune ha bisogno.

Malgrado l'interlocuzione che l'assessore Baggiani ha assicurato di aver ristabilito con gli operai del cantiere, non è rassicurante apprendere che negli ultimi anni “gli interventi di manutenzione straordinaria sui marciapiedi sono stati eseguiti con appalti di lavori, mentre con il cantiere comunale si è sempre provveduto ad effettuare piccoli interventi di riparazione e manutenzione ordinaria”: lo stato dei nostri marciapiedi è sotto gli occhi di tutti! Così come è sotto gli occhi di tutti lo stato di abbandono per assenza di manutenzione dei nostri cimiteri, voce di bilancio che garantiva introiti consistenti per il Comune, ma che ha visto parte della gestione esternalizzata per l’assenza di un numero di necrofori sufficiente.

Le esternalizzazioni hanno poi riguardato altri ambiti, come il servizio mensa, in cui dal 2022 la società SIAF subentrerà al Comune in quanto partecipata con socio privato, e potrebbero essere ulteriormente estese, in particolare per ciò che riguarda l'illuminazione pubblica, visti i ripetuti affidamenti a ditte esterne per mancanza di elettricisti e l'assenza di risposta della Giunta su questo punto.

Se l’assenza di interesse dell’Amministrazione verso il buon funzionamento del cantiere era evidente già nello scorso mandato, questa linea politica trova quindi nuova conferma. Pur essendo sotto organico da tempo, a fronte dell’incremento delle posizioni tecniche all’interno degli uffici comunali, le procedure di nuove assunzioni per il cantiere sono infatti appena all’inizio e in tutto questo le uniche a guadagnarci sono proprio le ditte esterne a cui l'Amministrazione si rivolge sempre più spesso.

Insomma, la scelta politica di ridimensionare la capacità di intervento del cantiere comunale non ha certo reso un buon servizio alle cittadine e ai cittadini di Borgo, ma su questo la Giunta non sente evidentemente di dover dare spiegazioni.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Il cattivo. ha scritto il 04 ottobre 2021 alle 07:44 :

    Perché esiste un cantiere comunale...??? E si occupa della manutenzione...??? Ma fateci il piacere... Purtroppo è da tanto tempo che non esiste, o meglio se esiste sarebbe bello sapere di cosa si occupa... Rispondi a Il cattivo.

    Asa asa ha scritto il 04 ottobre 2021 alle 10:40 :

    Vai a chiederlo a chi coordina!! Rispondi a Asa asa