Il contributo

Martedì sono 21anni dalla morte di Bettino Craxi. Riflessione di Ridolfi

Politica
visibility469 - domenica 17 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
Ridolfi sulla tomba di Craxi
Ridolfi sulla tomba di Craxi © N.c.

Martedì ricorre il 21esimo anniversario della morte di Bettino Craxi. Scrive Rodolfo Ridolfi:

Martedì 19 gennaio ricorre il ventunesimo anniversario della morte di Bettino Craxi uno degli statisti italiani più illuminati e lungimiranti del nostro secolo uno degli interpreti più autentici e coerenti dell’impegno per l’affermazione della modernizzazione del nostro paese, l’interprete più originale ed autorevole, negli ultimi quarant’anni anni di vita politica italiana. Il ricordo di Craxi accade, quest’anno, nella triste attualità politica non solo per la pandemia ma anche per l’incertezza e l’inadeguatezza del Governo e della classe politica, proprio il giorno in cui al Senato della Repubblica andrà in scena l’ennesima farsa che avrà come protagonisti quei pigmei della politica che rispondono al nome di Matteo Renzi e Giuseppe Conte con il coro dei più incalliti voltagabbana che oggi si definiscono ricostruttori.

 

 

Le idee, il coraggio ed i propositi di Craxi statista e politico ci mancano perché sono oggi di grande attualità e animano un po’ tutte le forze politiche compresa una parte consistente di quelle che lo derisero, lo insultarono e si resero protagoniste, attraverso i metodi che oggi cominciano ad emergere in tutta la loro odiosa evidenza, del suo esilio dopo averlo ingiustamente indicato come l’unico “capro espiatorio” della corruzione politica in Italia.

Ventun anni fa il 19 gennaio il leader del socialismo tricolore moriva ad Hammamet in Tunisia lasciando un vuoto incolmabile fra i riformisti italiani e chiudendo una importante pagina nella storia del riformismo autonomista, dopo Filippo Turati e Giuseppe Saragat. Tutti gli anni ripetiamo, inascoltati che lo Stato, le Regioni, i Comuni e soprattutto la Scuola dovrebbero rendere adeguato omaggio, ad un grande italiano quale Bettino Craxi è stato contribuendo a ripristinare la verità storica sulla sua vicenda politica ed umana. Dovrebbe essere naturale e doveroso anche per chi dopo la caduta del muro di Berlino, diceva di essersi ravveduto e si richiamava più volte ai principi del socialismo democratico europeo, del quale Craxi è stato indubbiamente uno dei più coerenti e moderni interpreti. Ma ancor oggi tutte le volte che viene proposto di intitolare una via od una piazza a Craxi la risposta della sinistra è sempre la stessa, fu così anche nella Firenze di Matteo Renzi allora leader del Partito Democratico e Presidente del Consiglio. A ventun anni di distanza dalla scomparsa di Craxi in esilio, nonostante qualche volta i commenti della stampa accreditino l’accanimento e la persecuzione che ci fu nei suoi confronti come una anomalia della vita politica italiana degli ultimi quarant’ anni, la sinistra preferisce rimuovere con il silenzio la verità storica che si ripropone in maniera sistematica come abitudine della cultura giacobina dei comunisti e dei loro eredi e dei poteri forti e dei suoi nuovi camerieri: “rappresentare l’avversario come un essere malvagio, corrotto ed ingiusto”. Fu così per De Gasperi, Scelba, Saragat e Fanfani. E’stato così, per Silvio Berlusconi. La speranza è che prima o poi l’Italia ufficiale dovrà e vorrà ricordare il grande statista che ha scritto pagine importanti della storia del nostro Paese nei modi e nelle forme più appropriate.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mugelli Giampiero ha scritto il 19 gennaio 2021 alle 14:10 :

    di Politici onesti in Italia ne abbiamo avuti forse cinque dal 1945 ad oggi. Cossiga, Berlinguer Almirante e qualche altro il resto: facciamoci il segno della croce. Personalmente non sento nessuna appartenenza alla politica Italiana, fare i complimenti a questa democrazia ci vuole fantasia diceva il grande Giorgio Gaber. Santificare e salvare la politica italiana e i politici che l'hanno rappresentata sarebbe come bestemmiare in chiesa, una cosa deplorevole. Rispondi a Mugelli Giampiero

  • Vanna 50 ha scritto il 18 gennaio 2021 alle 19:42 :

    Io non sono affatto convinta che Craxi sia stato uno statista da ricordare. A parte il fatto che ha contribuito non poco alla crescita del nostro debito, vogliamo proprio dimenticare che è stato un pregiudicato, ritenuto colpevole dopo tre gradi di giudizio? Che ha lasciato le casse del partito talmente vuote che la sede di Milano non aveva di che pagare le bollette? Non voglio aggiungere altro,ma risparmiate ai cittadini onesti questi tentativi di santificazione. Rispondi a Vanna 50

    Guido Penta ha scritto il 21 gennaio 2021 alle 12:00 :

    Con tutto il rispetto, da socialista, garantista e libertario credo che nessuno voglia "santificare" Craxi, meglio lasciar fare alla deputata chiesa, ma non riconoscergli la grande capacità politica di indirizzo e guida mi pare blasfemo. Certo ha avuto i suoi limiti ma, se paragonato agli attuali "gestori" della politica, è su un gradino ben più alto. Rispondi a Guido Penta