Marciapiedi danneggiati e ponte pericoloso per i pedoni. Segnalazioni della Lega da Scarperia

Per i marciapiedi danneggiati la Lega propone di sistemare in modo migliore la base degli alberi, in modo da 'liberarli' dal cemento

Politica
visibility555 - lunedì 11 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
I marciapiedi danneggiati e il ponte per Topo
I marciapiedi danneggiati e il ponte per Topo © N.c.

Spiega una nota della Lega Mugello:

Dopo la sorpresina natalizia dell’IMU per allevatori/agricoltori, da Scarperia-San Piero ci segnalano problemi inerenti la sicurezza dei cittadini e dei pedoni. Forse istanze rimaste inascoltate da troppo tempo.
Segnaliamo innanzitutto che in Viale Matteotti il marciapiede risulta insicuro e pericoloso a causa degli autobloccanti e dei cordonati rialzati alla base dei tigli. Le piante insieme alle loro radici, fusto e chiome crescono nel tempo e laddove poste in modo errato generano spesso problematiche varie come ad esempio il rialzo del manto stradale, dei cordonati, delle zanelle e sconnessioni. La soluzione che proponiamo è quella di valutare la rimozione degli autobloccanti e dei cordonati di cemento alla base del fusto con successiva creazione di aiuole (con grigliato calpestabile o miscuglio di pietra e terra stabilizzata in modo da poterci camminare) inerbite o pacciamate.

Il tutto consentirebbe, oltre la sicurezza dei cittadini, anche una migliore infiltrazione dell'acqua piovana limitando pure l'eccesso di calore causato dal cemento. Qualora non fosse chiaro ribadiamo anche l’assoluta contrarietà all’abbattimento delle piante in oggetto in quanto riteniamo che tali debbono essere solo “liberate”. Errori progettuali del passato non possono essere in alcun modo presi da pretesto per tagliare le piante, a maggior ragione quando esistono soluzioni più sostenibili. Non sono le piante quindi le responsabili dei danni ma bensì la scelta sbagliata di porle a dimora in una sede inopportuna, impermeabile, ristretta senza che possano sviluppare radici al di sotto del piano stradale, in profondità e larghezza, aumentando pure la stabilità delle stesse.

Segnaliamo pure la “discontinuità” pedonale tra Via Lippi e l’abitato di Topo a causa dello stretto ponte stradale di circa 8-9 m. In questo caso gli abitanti di Topo si lamentano della mancanza di apposita corsia pedonale e si vedono costretti a percorrere il ponte insieme al traffico veicolare. Questo se da una parte espone i cittadini (a maggior ragione giovani, disabili e genitori con bambini e passeggini) al rischio di essere investiti dall’altra limita la possibilità di raggiungere il centro in sicurezza da parte di chi abita in quella zona. In questo caso proponiamo di valutare la realizzazione di una passerella pedonale/ciclabile oppure di un apposito sistema semaforico (funzionale al bisogno) affinché il pedone possa attraversare in sicurezza il ponticino senza pericoli. Siamo a conoscenza di un camminamento pedonale alternativo ma molto ripido, scivoloso e difficilmente accessibile con carrozzine o passeggini. Un’ulteriore soluzione potrebbe essere quella del ripristino ma al tempo stesso la riteniamo utile solo a pochi utenti e non all’intera comunità scarperiese.
Sicuri di aver dato voce ai cittadini e contribuiti con proposte e soluzioni attendiamo fiduciosi in una tempestiva presa in carico da parte dell’amministrazione stessa.
Lega Mugello

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Scarperiese deluso ha scritto il 12 gennaio 2021 alle 11:31 :

    Le aiuole calpestabili alla base degli alberi di Viale Kennedy (non proprio un viale secondario) sono stati presenti per decenni, qualche anno fa, con i soldi di una "miracolosa" fusione, il viale è stato rifatto a nuovo coprendo le radici con quei simpatici mattoncini che sono saltati via in poco tempo (era prevedibilissimo).....complimenti! Sul ponte Topo/S.Agata-Scarperia è pericolosissimo anche solo nello scambio tra autovetture, forse aspettano il morto per sistemare questa situazione...inoltre è stato fatto un camminamento e un parcheggio proprio lì nei pressi del ponte per accedere al centro storico: perché non creare anche una passerella pedonale? Che bella programmazione del bene pubblico.....! Rispondi a Scarperiese deluso