Scuole Mugello, possibilità di accorpamenti: Consiglio Regionale approva la mozione per la salvaguardia.

Martina Stratini

Scuole Mugello, possibilità di accorpamenti: Consiglio Regionale approva la mozione per la salvaguardia.

Scuole Mugello, possibilità di accorpamenti: Consiglio Regionale approva la mozione per la salvaguardia.
03/05/2019

E’ stata approvata questa mattina (3 maggio 2019) in Consiglio regionale la mozione in merito alla “Programmazione dell’offerta formativa e del dimensionamento della rete scolastica del Mugello” promossa dai consiglieri Fattori e Sarti e sottoscritta anche dalla consigliera Capirossi. Tale mozione prevede al fine della salvaguardia degli istituti montani del Mugello la possibilità di accorpamento di questi con gli istituti con più richiesta di iscrizione quali Borgo San Lorenzo e Scarperia-San Piero.

Firmataria della mozione la consigliera regionale Serena Spinelli. Con questa mozione la consigliera ha dichiarato di voler richiedere l’impegno dell’Assessore regionale all’istruzione a farsi promotore in sede di Conferenza Stato-Regioni di una trattativa finalizzata ad ottenere una revisione del “parametro medio” per l’assegnazione dei Dirigenti Scolastici. «La mozione approvata dal Consiglio regionale riguarda aspetti di grande importanza per la salvaguardia dell’offerta educativa e formativa nei territori montani della Toscana e del Mugello in particolare; – dichiara la Consigliera- qui infatti la previsione di accorpare le scuole che non raggiungono un numero prestabilito di studenti si scontra con la bassa densità della popolazione e con le difficoltà di trasporto e non avrebbe tenuto conto della particolarità del territorio, del suo impoverimento e dei potenziali disagi per studenti e famiglie”.

Continua così la Consigliera Spinelli:

«L’ipotesi dell’accorpamento degli istituti di Borgo San Lorenzo e Marradi-Palazzuolo e di Scarperia-San Piero con quello di Firenzuola, ha visto infatti una forte mobilitazione da parte dei Sindaci, studenti, insegnanti e organizzazioni sindacali. Adesso, grazie alla mozione approvata, in linea anche con quanto richiesto dalla Conferenza zonale per l’istruzione, la Giunta Toscana è impegnata a modificare le linee guida sul dimensionamento della rete scolastica, in particolar modo valutando l’opportunità di mantenere, principalmente nelle aree montane e nelle isole, un presidio scolastico significativo in termini quantitativi e qualitativi, tenendo conto degli elementi di complessità territoriale, come altitudine, difficoltà di raggiungimento, distanza dalle altre istituzioni scolastiche vicine. Mantenere questi istituiti scolastici sul territorio è di grande importanza, anche per combattere il fenomeno della dispersione scolastica, che vede nel Mugello un’area critica. La dispersione scolastica non si combatte certo chiudendo scuole in aree che, come quelle montane, per la loro collocazione già soffrono in termini di carenza di infrastrutture e di opportunità, ma piuttosto connettendo sempre di più la loro offerta formativa con il territorio. E’ un tema che vale a livello nazionale”

Martina Stratini


Determinata, realista e ambiziosa. Amo il settore del giornalismo per il quale sto studiando all'Università di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze con ramo in "Studi in Comunicazione". Sono redattrice della rivista "Edera: La Cultura Cresce ovunque" mensile cartaceo per ragazzi ideato, realizzato e distribuito nelle edicole da un gruppo di ragazzi fiorentini. Sono anche responsabile stampa della squadra di calcio femminile Vigor CF, con sede a Rignano sull'Arno. Sono appassionata di fotografia ed il mio sogno nel cassetto è quello di lavorare un giorno in radio e/o in televisione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA