Il vaping nel 2021 non riguarda solo le sigarette elettroniche

In Vetrina
visibility103 - lunedì 24 maggio 2021
di Redazione
Vaping
Vaping © Rubén Bagüés

Il vaping ormai diventato molto popolare e tantissime sono le persone che vi optano. Inoltre, questa pratica viene agevolata da alcuni dispositivi noti come sigarette elettroniche. Nello specifico si tratta di strumenti che sono dotati di una batteria per riscaldare un atomizzatore che agisce poi sul serbatoio del liquido consentendo di aspirarlo proprio come si fa con una comune sigaretta.  

Premesso ciò vediamo nel dettaglio come sono strutturati questi dispositivi e quali sono i liquidi più utilizzati per la vaporizzazione.  

Che cos’è un vaporizzatore? 

Un vaporizzatore è un dispositivo portatile che può stare in tasca e quindi offre la possibilità di portarlo ovunque. In genere viene fornito con diverse forme, dimensioni e persino colori a seconda delle preferenze del vaper.  

Alcuni vaporizzatori hanno quasi le dimensioni e la forma di una comune sigaretta ed è per questo motivo che si avvalgono dell’appellativo di sigaretta elettronica.   

Premesso ciò, va altresì aggiunto che altri vaporizzatori hanno la forma di un pacchetto rettangolare di sigarette o di telecomandi e possono persino assomigliare ad un accendisigari. Idealmente, questi dispositivi sono progettati in qualsiasi forma, a condizione che siano sufficientemente piccoli da entrare in tasca.  

A questo punto è importante sottolineare che un vaporizzatore si compone fondamentalmente di quattro parti ossia un serbatoio (cartuccia), un atomizzatore (riscaldatore), una batteria (alimentatore) e di un sensore. Il serbatoio è la parte che immagazzina (contiene) l'E-liquid che viene svapato.  

L' atomizzatore è invece un piccolo componente disponibile anch’esso in diverse forme: e indipendentemente dal tipo scelto tutti svolgono lo stesso scopo e principio di riscaldamento. 

Il Vape Mod   

Un tipo di vaporizzatore per E-liquid che va per la maggiore è il cosiddetto Vape Mod che in pratica è l'abbreviazione di sigaretta elettronica modificata. Questo dispositivo offre un'estrema potenza di fuoco supportata da diverse funzioni personalizzabili.  

I progettisti di questo dispositivo hanno preso in prestito l'idea da vapers che hanno modificato le torce per realizzare accessori per lo svapo per ottenere enormi nuvole. Gli amanti dello svapo amano i fatti sperimentare utilizzando vari accessori modificandoli per ottenere un'esperienza di svapo avanzata quanto unica.  

Il Vape Pen 

Questo accessorio per lo svapo, come si evince dal nome stesso ha la forma di una penna anche se è disponibile in diversi stili. Rispetto ai dispositivi di svapo simili a sigarette, una penna vaporizzante è più grande e viene fornita con una batteria più potente in grado di fornire enormi nuvole.  

Queste forme di accessori per lo svapo divennero popolari a metà degli anni 2000, quando i vapers scoprirono la potente capacità della batteria, l'applicazione di diversi atomizzatori e un funzionale microchip inserito nella batteria stessa che ne ottimizzava le performance.  

I produttori hanno tra l’altro creato delle Vape Pen di alta qualità con caratteristiche specifiche per garantire uno svapo efficace del CBD. 

Il Pod Mod 

Rispetto allo svapo simile a una sigaretta, un dispositivo denominato Pod Mod ha una capacità di potenza inferiore ma è comunemente usato per svapare succhi elettronici a base di nicotina. A volte viene considerato come una versione migliorata delle suddette sigarette elettroniche e che è adatta per i fumatori in quanto è facile da usare e permette una transizione graduale tra il fumo e i sali di nicotina. 

I diversi tipi di E-liquid per i vaporizzatori 

Se un vaper utilizza un vaporizzatore come quello denominato Vandy Vape Revolver RTA, deve necessariamente optare per un E-liquid CBD del tipo VG (Glicerina Vegetale). Chi invece utilizza un sistema pod avrà bisogno di un E-liquid denominato PG (Glicole Propilenico).  

Premesso ciò, quando si acquista un liquido per il vaporizzatore, il produttore dovrebbe chiarire il rapporto VG / PG dei loro prodotti e quelli migliori devono essere rispettivamente di 80 VG e 20 PG.  

A margine va altresì aggiunto che tra i tanti liquidi per il vaping molti sono a base di olio (per lo più di cannabis) e molti vengono arricchiti con E-liquid al sale di nicotina che abitualmente viene estratto dalle foglie di tabacco.