“Un cuore di vetro in inverno” Filippo Timi inaugura la stagione della Pergola

Massimiliano Miniati

“Un cuore di vetro in inverno” Filippo Timi inaugura la stagione della Pergola

“Un cuore di vetro in inverno” Filippo Timi inaugura la stagione della Pergola
18/10/2018

Sarà Filippo Timi In scena dal 23 al 28 ottobre ad inaugurare la stagione 2018-19 del Teatro della Pergola di Firenze con la prima nazionale di “Un cuore di vetro in inverno”

Come in un romanzo cortese, il nuovo lavoro del protagonista della serie “I delitti del Barlume” e del miglior teatro degli ultimi 15 anni, racconta la storia di un cavaliere che deve lasciare il proprio amore ad aspettarlo, andare in battaglia e affrontare il drago delle sue paure. Uno scudiero e un menestrello, una prostituta e l’angelo custode compongono la piccola corte di personaggi che fa da contorno alla figura di Timi/cavaliere in questo carosello tragicomico.

Filippo Timi che abbiamo avuto l’onore di vedere in Mugello, al Giotto di Borgo san Lorenzo qualche stagione fa con il suo “Favola” (tradotto anche in film con la regia di Sebastiano Mauri) in esclusiva per la toscana, presenta questo nuovissimo spettacolo fortemente poetico scritto con il suo  personalissimo e inconfondibile stile.

Insieme a Timi sul palco della Pergola: Marina Rocco, Elena Lietti, Andrea Soffiantini, Michele Capuano per questa spettacolo che inaugura la stagione di uno dei più importati teatri d’Italia e che si preannuncia come un evento da non perdere assolutamente.

Giovedì 25 ottobre 2018 | ore 18 Teatro della Pergola Filippo Timi e la Compagnia incontrano il pubblico. Coordina Riccardo Ventrella. Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Massimiliano Miniati


Attore e scrittore. Cura la rubrica di cultura e spettacoli per il settimanale Il Galletto.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA