Go.On La cronaca del festival che ha unito il Giotto Jazz e Etnica

In scena: Dario Cecchini, Fabrizio Bosso, SuRealistas, Baro Drom Orkestar, Funk Off e Serena Brancale

Cultura
visibility583 - lunedì 26 ottobre 2020
di Massimiliano Miniati
Più informazioni su
Go On
Go On © Massimiliano Miniati

"Abbiamo realizzato questo festival per dare un segnale ai lavoratori del mondo dello spettacolo. Nel nostro piccolo abbiamo voluto contribuire, anche in questo momento di difficoltà in cui organizzare concerti sembra una follia, a chi con la musica ci vive. La qualità degli spettacoli è stata altissima. Ci hanno ringraziato musicisti, fonici e il pubblico accorso. Qualcuno ci ha definito degli eroi. La nostra è una realtà associazionistica e di volontariato che però si comporta da professionista da oltre venti anni.

Siamo contenti del risultato del festival anche se la paura del virus ha condizionato le presenze di pubblico, che comunque sono state buone nel complesso dei quattro giorni avendo portato al nostro Teatro Giotto circa 250 persone. Adesso ci fermiamo in attesa di poter capire se e quando potremmo rifare le attività in teatro. Vorrei ringraziare i ragazzi del Jazz Club of Vicchio, l'Amministrazione Comunale, Eventi Music Pool e tutti i tecnici e musicisti che hanno reso questo mio primo festival da Presidente una grande emozione" E' quanto ha dichiarato Valentina Fedele, presidente del Jazz club of Vicchio, al termine di Go.On la quattro giorni di musica a metà strada fra il Giotto jazz festival e Etnica riservata a pochi intimi (massimo 80 persone a sera)

Sul palco del Giotto le straordinarie esibizioni di Dario Cecchini in “Jazzasonic” special guest Fabrizio Bosso dei SuRealistas, dei Baro Drom Orkestar e dei tre appuntamenti del pomeriggio di domenica con Funk Off special guest Serena Brancale che nonostante il distanziamento, la riduzione drastica dei posti utilizzabili ed il clima di incertezza di un pubblico che fino all’ultimo istante temeva la chiusura dei teatri, hanno riportato gli spettatori a quei tempi che sembrano oggi così lontani, nei quali tutti potevano godersi spettacoli e concerti dal vivo.

Lascia il tuo commento
commenti