Buon successo di pubblico per lo spettacolo del 'nostro' Miniati al Corsini

Il nostro giornalista specializzato in cultura e spettacolo ha riproposto il suo spettacolo

Cultura
visibility342 - mercoledì 22 settembre 2021
di Nicola Di Renzone
Più informazioni su
Miniati in scena
Miniati in scena © OK!Mugello

Buon successo di pubblico (e in questo periodo difficile non era affatto scontato) per 'J' riproposto al Corsini da Massimiliano Miniati, con Con Dafne Tinti e le voci di Riccardo Rombi, Carlina Torta e Daniela Morozzi.

Nello spettacolo J parla con  il pubblico raccontando i pochi giorni passati sulla terra: “Quando sono arrivato, anche voi eravate qua?” tutti gli incontri con persone troppo indaffarate o talmente distratte da non rendersi conto di chi si trovino davanti.

Ancora, prova a fare i miracoli ma nessuno ci crede, anzi per quello dei pani e dei pesci viene pure arrestato per aver distribuito gratuitamente e senza autorizzazione generi alimentari.

Sul palco insieme a j solo Dafne Tinti, l’attrice di Catalyst interprete di tutte le ultime produzioni della compagnia che gestisce il teatro corsini. Qualche simpaticissima gag col pubblico che ha riso per tutto lo spettacolo per poi commuoversi sul finale. La scena del bambino gettato nel sacchetto della spazzatura è sicuramente molto dura, ma anche quello serve a rivelare che…nonostante tutto magari al mondo qualcosa di buono c’è rimasto.

Finale in stile pink floyd tra luci e fumi che delimitano la strada per il ritorno in paradiso accompagnato dalla voce di Mia Martini che canta “E non finisce mica il cielo”. Le voci di Riccardo Rombi (Il babbo) Carlina Torta (la mamma) e di Daniela Morozzi (segreteria telefonica e narratrice) hanno sostituito gli attori in presenza con dei bellissimi fasci di luce colorati che forse riescono a fare più effetto  di un personaggio reale.

Insomma la gente si è divertita e qusi tutti si son fatti almeno una lacrimuccia sul finale. Probabilmente lo spettacolo sarà riproposto nell’inverno nella stagione teatrale regolare. Bene così, e complimenti a Massimiliano Miniati.

 

Lascia il tuo commento
commenti