Accadde oggi. 26 gennaio 1967, quel colpo di pistola che sconvolge il festival di Sanremo

Il suicidio di Luigi Tenco a distanza di oltre 50 anni fa ancora discutere, ma noi ripercorriamo la cronaca di quello sparò che sconvolse i lustrini del festival. Il filmato dagli archivi Rai

Cultura
visibility472 - martedì 26 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
Luigi Tenco sul palco di Sanremo nel 1967
Luigi Tenco sul palco di Sanremo nel 1967 © wikipedia

Era la sera del 26 gennaio 1967 quando nella stanza 2019 dell'hotel Savoy un colpo di pistola mise fine alla vita del 28enne poeta  e cantautore Luigi Tenco.

Poche ore prima aveva cantato sul palco del Salone delle Feste da dove si svolgeva il Festival di Sanremo la canzone "ciao amore ciao" in una versione doppia - come all'ora si usava - con la francese Dalida. 
Una poesia in musica con un testo tutt'oggi moderno che parla del dramma dell’Italia contadina costretta a urbanizzarsi. In qualche modo Tenco aveva ripreso le stesse tematiche di Pasolini ("in un mondo di luci, sentirsi nessuno").

Il brano di Tenco non venne apprezzato dalle giurie del Festival e non fu ammesso alla serata finale, classificandosi al dodicesimo posto. Fallito anche il ripescaggio, dove fu favorita la canzone La rivoluzione.

Tenco non cantà benissimo, era turbato e sali sul palco con un farmaco e molto alcool addosso, poi si addormetò sul tavolo di un biliardo dove apprese dell'eliminazione.

Poi nella notte quello sparo e la scoperta del suo corpo ucciso con un unico colpo di pistola rinvenuto dall'amico Lucio Dalla e dalla stessa Dalida.

Un biglietto vicino al corpo fece pensare subito ad un suicidio, un biglietto dove accusava il mondo della musica, ma il mitero e i sospetti di corpi spostati, telefonate infinite e mezze verità mai dette hanno fatto pensare, e fanno pensare ancora ad altro....

A noi rimangono le poesie di Luigi. In questo articolo il filmato messo a disposizionme dalla Rai. 

Lascia il tuo commento
commenti