Una lettera in redazione

Tanto calcare nell'acqua del Mugello. Perché non installare un addolcitore di rete?

La proposta di un lettore

Cultura
visibility3140 - venerdì 22 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
Il calcare
Il calcare © OK!Mugello

La lettera di un lettore:

Buongiorno. 

Questi che vedete in questa brutta immagine sono i due secchi di calcare (circa 20 chili) rimossi dal boiler della caldaia del riscaldamento di casa mia durante un intervento di manutenzione e ripulitura resosi necessario per un malfunzionamento. 

È un boiler grande e non veniva ripulito da tempo. 

Però questa foto secondo me rappresenta in modo plastico quello che succede a tubi, serpentine e scambiatori di calore dei nostri elettrodomestici. 

Incrostati fino ad esserne ostruiti dal calcare che vi si deposita dall'acqua dell'acquedotto comunale. 

A quanto so, ma non ne sono sicuro, la rete idrica di Borgo è alimentata da diverse fonti, e forse quella della mia zona è particolarmente dura. Mi sono documentato. 

Un'acqua particolarmente calcarea non è dannosa per la salute se non per chi ha la tendenza a sviluppare calcoli renali. 

Però è sicuramente dannosissima per gli impianti di riscaldamento e per tutti gli elettrodomestici che funzionano grazie all'acqua. 

E non è tutto. 

Un'acqua così calcarea richiede, per ogni tipo di lavaggio, una quantità maggiore di detersivi rispetto ad un'acqua meno dura, e i detersivi non fanno certo bene all'ambiente. 

Ora una annotazione da massaia. 

I panni lavati con l'acqua di Borgo sono grigi rispetto a quelli lavati con l'acqua di Firenzuola, che risultano di un bianco splendente. 

A Firenzuola com'è noto la gestione delle reti idriche è da anni affidata ad una azienda privata che non nomino. 

Io che sono un convinto sostenitore dell'acqua pubblica mi sono dovuto ricredere. 

A Firenzuola l'acqua è molto meno cara e di qualità di gran lunga migliore come risulta dai risultati delle analisi puntualmente inviate ad ogni bolletta. 

Ma tornando a me, visti i risultati, sto pensando seriamente di fare installare un addolcitore in casa mia, e questo comporterà un onere non così piccolo. 

E ora vengo al dunque. 

Perché il comune di Borgo non provvede a raalizzare tramite Publiacqa un addolcitore che serva tutto il comune e che renda l'acqua del rubinetto, pur buona, meno simile ad una sospensione soprasatura di sali di calcio? 

Con quello che paghiamo tutti per l'acqua, non credo che Publiacqa andrebbe fallita per sostenere questa spesa. 

Saluti a tutti. Daniele Baldoni 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mugelli Giampiero ha scritto il 25 gennaio 2021 alle 13:03 :

    e io pago ha perfettamente ragione, ma è il sistema tra politica e enti spa lo sappiamo ed è in tutti i campi purtroppo come Anna pure io ho un addolcitore centralizzato e uno in casa è dal 2004 non ho più problemi di rubinetterie e elettrodomestici e non compro più acqua minerale e soffrendo di coliche renali sono sedici anni che non le ho più Rispondi a Mugelli Giampiero

  • Maria rocchi ha scritto il 22 gennaio 2021 alle 16:24 :

    Quanto riferito vale anche per Vaglia. Il calcare ostruisce i rubinetti, blocca lo scarico dello sciacquone, rovina gli elettrodomestici. È ora che Publiacqua risolva il problema e il comune si impegnia farlo risolvere Rispondi a Maria rocchi

  • Anna Barbiero ha scritto il 22 gennaio 2021 alle 14:35 :

    Mi unisco a te caro Daniele,anche se io ho fatto la grande spesa x casa mia con un'addolcitore. Rispondi a Anna Barbiero

  • E io Pago... ha scritto il 22 gennaio 2021 alle 09:28 :

    Publiacqua spa essendo una società per azioni deve spartire i dividendi milionari con Acea spa, Suez spa e altri padroni, quindi devono fare soldi a più non posso, mica possono spendere i soldi per noi clienti obbligatori, tanto i sindaci sono dello stesso partito di chi gestisce la spa, così il controllore è anche il controllato e il cerchio si chiude. Idem con i rifiuti, siamo clienti obbligati di spa dove controllore e controllato sono della stessa compagine, magari lavoreranno bene, chissà, ma se lavorano male chi ci pone rimedio? a me pare nessuno... Rispondi a E io Pago...