Il caso

Firenzuola. Prefetto: Operatori positivi non possono assistere anziani positivi. 'Come faremo?'

Il Prefetto ha bloccato una ordinanza del sindaco che permetteva agli operatori positivi di recarsi ad assistere gli anziani, anche loro positivi

Cronaca
visibility2733 - sabato 14 novembre 2020
di Redazione
Più informazioni su
La Rsa SS. Annunziata di Firenzuola
La Rsa SS. Annunziata di Firenzuola © Giampaolo Buti

La situazione della Rsa Santissima Annunziata di Firenzuola, colpita dal Covid con tutti i 65 anziani che sono risultati positivi, e con loro il 70% dei dipendenti, genera forte preoccupazione.

E se, per fortuna, per adesso non ci sarebbero state vittime dirette del Covid (si è verificato un solo decesso, ma con collegato alla malattia da Coronavirus) la preoccupazione (vista l'età degli ospiti) è alta, così sono alte le difficoltà di organizzare la loro assistenza.

Nei giorni scorsi molti dipendenti (anche se positivi) hanno scelto di continuare a lavorare e di assistere gli anziani anche loro positivi (senza rischi di ulteriori contagi, quindi), offrendosi anche di rimanere a dormire all'interno della casa di riposo.

Poi il sindaco aveva varato una ordinanza che permetteva ai dipendenti positivi il trasferimento tra casa e lavoro. Ecco, secondo quanto si apprende da La Nazione di oggi (sulla pagina del Mugello) questa ordinanza è stata impugnata dal Prefetto, che ha consigliato di avvalersi della Protezione Civile.

Da Firenzuola, però, fanno notare che questi anziani positivi devono essere assistiti, e che gli operatori della Protezione Civile, a parte cucinare, non avrebbero le professionalità richieste.

Insomma, al virus si sarebbe aggiunta la burocrazia, che rischia di lasciare questi anziani senza cure.

Lascia il tuo commento
commenti