Imprenditore mugellano condannato a quasi sette anni. Serie di bancarotte

Cronaca
visibility13603 - giovedì 21 maggio 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
operazione guardia di Finanza
operazione guardia di Finanza © GdF

Pesante condanna per l'imprenditore mugellano Stefano Gramigni. Il Pubblico Ministero Christine Von Borries aveva chiesto a suo carico una pena di sette anni, e alla fine i giudici Lisa Gatto, Sabrina Gallini e Franco Attinà lo hanno condannato, recependo quasi del tutto la tesi dell'accusa infliggendo una pena di sei anni e otto mesi.

In sostanza Gramigni, 58 anni, era accusato della bancarotta fraudolenta di alcune società, con danno per i fornitori e per lo Stato. La vicenda, in particolare, è legata alla Edilfuture Srl (la cui curatela ora Gramigni dovrà risarcire per oltre un milione di euro) ed alla Future Srl di Barberino di Mugello.

Praticamente Gramigni, secondo l'accusa, aveva creato una galassia di società che poi, con il passaggio del ramo di azienda da una all'altra, sarebbero state svuotate ed avviate a fallimento con danno di creditori e Stato.

Nel 2017 Gramigni era già stato condannato per simili vicende, e in quell'occasione fece anche un anno di carcere.

Lascia il tuo commento
commenti