Caccia al fuggitivo: Arrestato ladro a Rufina, complice si getta in fiume a Pontassieve

Cronaca
visibility5925 - venerdì 06 marzo 2020
di Martina Stratini
Più informazioni su
Vigili del fuoco sommozzatori
Vigili del fuoco sommozzatori © Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco

La scorsa notte (4 marzo 2020) i Carabinieri della Stazione di Rufina hanno tratto in arresto un 20enne di origine albanese, incensurato, per furto in abitazione in concorso, resistenza e lesioni a Pubblico ufficiale.

L’attività trae origine da un servizio appositamente predisposto per il contrasto ai reati predatori nel Comune di Rufina: nella serata di ieri, poco dopo le 20, una pattuglia della locale Stazione intercetta due giovani a piedi che stanno per riprendere l’auto lasciata parcheggiata nei pressi della stazione ferroviaria ma i due, per sottrarsi al controllo, scappano in diverse direzioni.

Al via dunque la ricerca sul territorio che coinvolge altre 3 squadre della Compagnia di Pontassieve che, dopo circa un’ora, avvistano uno dei fuggitivi in questa stazione ferroviaria, dove era presumibilmente giunto percorrendo i binari. Ed è ancora sui binari che prova nuovamente a sfuggire finché non viene accerchiato a Pontassieve in viale Diaz dove si lancia nel fiume, pochi metri prima della confluenza in Arno, sparendo dopo pochi istanti alla vista dei militari. Vengono subito avviate le operazioni di soccorso con l’intervento dei Vigili del Fuoco che non danno però non hanno dato esito.

Nel frattempo una squadra intravede sul sovrastante viadotto l’altro fuggitivo, che aveva percorso un itinerario differente per giungere però anche lui a Pontassieve e dopo una breve colluttazione lo immobilizzano. Le successive perquisizioni personale, veicolare e domiciliare, estesa alla camera di un albergo occupata dal giovane a Firenze, consentono di rinvenirgli indosso un anello ed una catenina asportate nel tardo pomeriggio da un’abitazione di Montebonello; nella stanza invece trovati portafogli, occhiali griffati ed alcuni orologi, due dei quali subito ricondotti ad un furto avvenuto sempre a Rufina la sera del 29 febbraio; nella macchina numerose paia di guanti in lattice, evidentemente usati durante il compimento dei reati per non lasciare impronte. Per l’arrestato, ristretto nella camera di sicurezza della Compagnia, scatta così anche la denuncia in stato di libertà per ricettazione e, stamattina (5 marzo 2020), verrà celebrato il rito direttissimo.

Intanto proseguono le ricerche dell’altro fuggitivo, con l’impiego anche dei sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Firenze nonché le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Pontassieve per risalire alla provenienza degli altri oggetti sequestrati: i primi riscontri acquisiti lasciano pensare che i due facessero parte di una banda che aveva colpito già in zona lo scorso fine settimana (28 febbraio - 1 marzo).

Lascia il tuo commento
commenti