E' l'Osteria di Nandone la vittima del tentativo di concussione. Dettagli e intercettazioni

Oggi su La Nazione un articolo con la ricostruzione di quanto accaduto

Cronaca
visibility22532 - mercoledì 02 ottobre 2019
di Nicola Di Renzone
Più informazioni su
Carabinieri Borgo
Carabinieri Borgo © Fotocronache Germogli

E' l'Osteria di Nandone (Scarperia) l'attività commerciale che è rimasta vittima del tentativo di estorsione che si è verificato nei giorni scorsi a Borgo (clicca qui per l'articolo di OK!Mugello). Lo si apprende questa mattina (mercoledì 2 ottobre) da un articolo del quotidiano La Nazione a firma di Stefano Brogioni.

I due uomini finiti ai domiciliari sono il funzionario Asl Fiorenzo Bartolini (62anni) e il consulente Fabio Niccolai (55 anni). Secondo quanto si apprende tutto era nato da un controllo dello scorso 7 agosto, quando fu trovata della carne non etichettata in un frigorifero ubicato in un locale attiguo all'attività. Da qui prima il sequestro della carne e la multa, poi la proposta di poter chiudere un occhio e il 'salvagente' lanciato al ristoratore.

Il ristoratore (Paolo Mugnai), però, non avrebbe accettato il 'ricatto', informando i Carabinieri. E iniziano così le intercettazioni. I Carabinieri, secondo quanto riporta La Nazione, avrebbero quindi ascoltato il funzionario Asl dire al consulente che il ristoratore poteva anche permettersi di pagarlo (per evitare le sanzioni) in quanto era 'pieno come un uovo' e aveva tanti clienti. Il tutto fino allo scambio del denaro, avvenuto il 27 settembre sotto l'occhio vigile e nascosto dei Carabinieri (che avevano segnato le banconote). E la trappola è scattata.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Stefano Anichini ha scritto il 26 ottobre 2019 alle 10:10 :

    Chissà quanta gente perbene avevano già ricattato questi due parassiti tipici traffichini della PA Rispondi a Stefano Anichini

  • Donatella Ruffoli ha scritto il 02 ottobre 2019 alle 19:10 :

    Nessuno si era accorto di nulla? Rispondi a Donatella Ruffoli

  • Lapo ha scritto il 02 ottobre 2019 alle 18:07 :

    Bene! Grande Nandone! Che figura di merda questi 2.... Rispondi a Lapo

  • Ugo arrighetti ha scritto il 02 ottobre 2019 alle 15:36 :

    Questa volta è andata male.... Natalino Rispondi a Ugo arrighetti

  • Sergio Guerra ha scritto il 02 ottobre 2019 alle 13:53 :

    Ma che trappola? Uno che vende carne marcia comprato sul mercato nero viene elogiato mentre quelli innocent vengono condannati prima prima della loro giornata davanti ad un giudice. Per piacere! Rispondi a Sergio Guerra

    Roberto B. ha scritto il 22 dicembre 2019 alle 16:51 :

    Marcia? Riporto una chiara informazione trovata in un forum dove uno chef risponde ad un'ignorate... I processi di frollatura e di putrefazione sono chimicamente due cose completamente diverse: la prima e' frutto di enzimi proteolitici che rendono tenera la carne, la seconda e' prodotto di batteri e dell'irrancidimento dei grassi. Ma Madre Natura ci ha dotato di un fantastico metodo per capirne la differenza: basta un normalissimo naso per distinguere quelli che sono i normali prodotti di una frollatura da quelli di una carne andata a male, e la sensibilita' del naso a questo tipico odore e' finissima. Credo che lei non abbia mai messo piede da Nandone. Rispondi a Roberto B.

    Daniele Baldoni ha scritto il 09 dicembre 2019 alle 10:50 :

    Caro Sergio: se uno vende la carne marcia va multato e gli va chiuso l'esercizio. Non gli va chiesta una tangente per alleggerire la sua posizione. Il tuo eroe è indifendibile. Rassegnati. Rispondi a Daniele Baldoni

    Cinzia ha scritto il 05 ottobre 2019 alle 13:58 :

    Chi sarebbero gli innocenti? Spero no quei 2 delinquenti dipendenti Asl . Abitudinari di tale gesto Poi semmai, andare con tutti i compagni di merende a cena gratis nei vari "POSTI" Che schifo. Bella scoperta, ora al lavoro per le forze dell'ordine. Rispondi a Cinzia