Taccheggio, guida senza patente o in stato di ebbrezza. Quattro denunciati in Mugello

Cronaca
visibility1879 - lunedì 13 settembre 2021
di Redazione
Più informazioni su
Carabinieri
Carabinieri © Fotocronache Germogli

Nella settimana appena trascorsa, i Carabinieri della Compagnia di Borgo San Lorenzo, impegnati nell’attività di controllo del territorio, hanno denunciato quattro persone. La prima è originaria del Perù, residente nel capoluogo, già nota alle forze dell’Ordine. Si tratta di un trentenne che, a Barberino di Mugello, presso il centro commerciale, dopo aver asportato accessori di abbigliamento per un valore di 330 euro con l’utilizzo di una borsa schermata, è stato sottoposto a controllo dai militari dai militari della Stazione di Barberino di Mugello, allertati dal personale di vigilanza. La refurtiva, al termine degli accertamenti di rito, è stata riconsegnata al legittimo proprietario mentre il materiale utilizzato per il furto è stato sottoposto a sequestro. 

Sempre a Barberino, i Carabinieri della Stazione hanno deferito un pregiudicato albanese di trentotto anni, risultato positivo ai test tossicologici effettuati dall’Ospedale di Borgo San Lorenzo, dopo un sinistro stradale nel quale era rimasto coinvolto mentre era alla guida della propria autovettura. Nella circostanza, il conducente del mezzo, che non ha mai conseguito la patente di guida, ha riportato ferite giudicate guaribili in sette giorni. 

Nella nottata di domenica, in Borgo San Lorenzo, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile, impegnati nei controlli alla circolazione stradale nelle ore più delicate del fine settimana, hanno controllato due uomini incensurati, residenti nel territorio. Entrambi, italiani, alla guida delle rispettive autovetture, sono risultati positivi al test alcolemico, pari, rispettivamente a 1,67  G/L e 1,15 G/L, contro il milite di legge consentito di 0,5. I documenti di guida sono stati ritirati dai militari operanti e inviati alla Prefettura di Firenze. 

Tutti sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Firenze

Lascia il tuo commento
commenti