'Quell'auto ci ha sfiorato e quasi fatto uscire di strada'. La denuncia di un ciclista mugellano...

Guglielmo Braccesi con la sua denuncia social di alcuni giorni fa lancia un tema sensibile

Cronaca
visibility1531 - domenica 27 giugno 2021
di Redazione
Più informazioni su
Ciclista mugellano
Ciclista mugellano © N.c.

Scrive il ciclista mugellano Guglielmo Braccesi:

Pedalare su strada è diventata una roulette russa. Questa mattina (lo scorso martedì ndr) alle 7 percorrevamo la provinciale che da Cafaggiolo va in direzione Barberino. Andrea ed io procedevamo diligentemente in fila indiana e stando a margine della carreggiata, nonostante il pessimo asfalto che più e più volte ha messo alla prova i nostri battistrada. Sulla dritta di Cafaggiolo, in quel momento completamente libera dal traffico (caso strano), un'Audi bianca station wagon targata Fk... ci ha sfiorato a meno di 30 cm ad una velocità probabilmente più che doppia rispetto al limite di velocità imposto in quel tratto.

Inutile dire lo spavento e la sbandata che ci ha fatto fare. Inutile dire anche a quale generazione degli antenati siamo arrivati nella nomina delle ignominie. Purtroppo i semafori del senso unico alternato erano troppo lontani per un simpatico vis a vis. Un chilometro dopo, appena passato l'incrocio per Galliano, un autotreno ci ha sfiorato sempre a discreta velocità, mandandoci fuori strada con la sola ventata. Niente male, se non che fuori strada c'è una traccia larga 30 cm e ribassata di almeno 5 rispetto all'asfalto.

Traccia nella quale siamo finiti e da dove uscire era impossibile senza cadere, ma anche rimanerci dentro è stato particolarmente difficile. Memore dell'incidente di un paio d'anni fa nel quale un'auto mi tamponò sulla dritta prima di Sagginale, mentre da solo e con luci accese (come oggi) tornavo verso casa e oltretutto mi lasciò disteso svenuto sull'asfalto andandosene come un perfetto vigliacco criminale, ho proseguito il mio giro con un discreto patema d'animo. Pedalare sulla strada non è sicuro, forse non lo è mai stato e purtroppo mai lo sarà, finchè non capiremo che la strada è di tutti, dall'autoarticolato, al trattore, al calesse, alla bicicletta e che alzare il piede dal gas un attimo non costa molto. P.S. il primo che scrive che i ciclisti non stanno in fila vince un caffè!!

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Giuseppe Chiaracane ha scritto il 29 giugno 2021 alle 10:56 :

    Ovviamente non è mia abitudine fare di "tutta l'erba un fascio", nel senso che, mi capita andando in giro in auto, di sorpassare ciclisti disposti in fila indiana, ma aimè!...e questo mi fa molto arrabbiare, molto spesso capita di trovarsi davanti gruppi anche di 7/8 ciclisti, che imperterriti, e incuranti delle file di auto che provocano, si ostinano a pedalare in gruppi disordinati, che invadono mezza carreggiata, costituendo un vero e proprio pericolo per la circolazione. Quindi credo di aver vinto anche io il mio caffè!🤗 Rispondi a Giuseppe Chiaracane

  • Franco Albonetti ha scritto il 29 giugno 2021 alle 06:08 :

    I ciclisti sono i primi che non danno L esempio. Caffè? Me lo lasci pagato al mediceo Rispondi a Franco Albonetti

  • gianfranco ha scritto il 28 giugno 2021 alle 11:51 :

    Se c’è il caffè anche per il secondo l’ho vinto io! Lasciacelo pagato al bar Mediceo (ex bar90) Rispondi a gianfranco

  • giulietta ha scritto il 28 giugno 2021 alle 10:55 :

    ho vinto un caffè Rispondi a giulietta