Movimenti terra. Denunciati a Firenzuola il titolare di un'azienda agricola e l'esecutore dei lavori

Emesse sanzioni per 4mila euro

Cronaca
visibility1930 - sabato 19 giugno 2021
di Redazione
Più informazioni su
Operazione a Firenzuola
Operazione a Firenzuola © Carabinieri forestali

Firenze 19 giugno 2021. Militari della Stazione Carabinieri Forestale di Barberino di Mugello (FI), a seguito di una segnalazione privata, hanno eseguito una serie di accertamenti in località “Ca’ Rossa” in Comune di Firenzuola (FI), al fine di controllare la regolarità di un taglio boschivo. 

 

 

Sui luoghi, i Carabinieri forestali hanno riscontrato l’avvenuta esecuzione di consistenti movimenti di terra, per consentire l’accesso con mezzi meccanici alle superfici pascolive poste a monte di una stalla.

Fatti i dovuti approfondimenti, individuati e rintracciati il legale rappresentante di una azienda agricola e l’esecutore dei lavori, questi confermavano di non essere in possesso di titoli abilitativi degli interventi. E’ scattata dunque per loro la denuncia all’A.G. per aver effettuato, in area boscata, senza le necessarie autorizzazioni, interventi di movimento terra, per una lunghezza complessiva di duecentoventi metri ed una larghezza media di quasi quattro metri, interessando varie particelle in Comune di Firenzuola (FI). 

Inoltre è stato loro contestato il reato previsto dal Testo Unico sulle opere idrauliche, per avere realizzato, nell’alveo e nella fascia di rispetto del “fosso di Casa rossa” e di due affluenti, ricadenti nel reticolo idrografico della Regione Toscana, movimenti terra in assenza della necessaria autorizzazione per il vincolo idraulico. 

In applicazione delle leggi regionali, sono state elevate sanzioni amministrative per l’importo di 4.080,00 euro. 

Si precisa poi che le porzioni di terreno ove sono stati compiuti gli interventi abusivi ricadono completamente nel Sito di Interesse Comunitario (SIC) “Conca di Firenzuola”: i SIC fanno parte della Rete Natura 2000, concepita a livello europeo, ai fini della tutela della biodiversità attraverso la conservazione degli habitat naturali e delle specie animali e vegetali di interesse comunitario. Non sono aree protette nel senso tradizionale e quindi non rientrano nella legge quadro sulle aree protette, ma sono designati per tutelare la biodiversità attraverso specifici piani di gestione. 

I Carabinieri forestali hanno rilevato la modifica dello stato dei luoghi conseguente ai movimenti terra, che hanno alterato il regime idrogeologico del territorio, in assenza delle necessarie autorizzazioni per i vincoli paesaggistico, idrogeologico e idraulico.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • gianfranco ha scritto il 19 giugno 2021 alle 11:19 :

    Scusate, potrei sbagliarmi, ma l'auto e la divisa del carabiniere forestale non solo di colore verde? Rispondi a gianfranco

  • Roberta Poggiali ha scritto il 19 giugno 2021 alle 10:32 :

    Chissà quanto lavoro dovranno svolgere i Carabinieri Forestali per salvaguardare il territorio , l'assetto idrogeologico e zona boschiva per la biodiversità prima che vada in porto il progetto di spianare e cementificare lAppennino per le pale eoliche fra Vicchio e Dicomano.Speriamo che intervengano tempestivamente. Rispondi a Roberta Poggiali