Gli auguri di Pasqua (da Bonoua) di Don Poggiali

Aldo Giovannini

Gli auguri di Pasqua (da Bonoua) di Don Poggiali

Gli auguri di Pasqua (da Bonoua) di Don Poggiali
17/04/2019

Anche quest’anno, Ok!Mugello coglie l’occasione delle festività pasquali per pubblicare i graditi auguri di Don Pasquale Poggiali, da tanti anni impegnato in missioni umanitarie in Africa, che non manca mai di inviare, insieme all’auspicio di buone feste, un breve riepilogo della situazione in Bonoua.

“Carissimi, un breve saluto con qualche notizia, alla vigilia della festa di Pasqua, ve le mando volentieri. Vi scrivo alla sera della Domenica delle Palme. Una giornata eccezionale, come tante che si vivono qui alla Missione; una bella Processione portando dei rami di “palme vere”, percorrendo oltre un chilometro di strada sterrata, con poggi e buche, tra canti e passi di danza, molta gente che la nostra Chiesa non riusciva a contenere.

Ci ha accolto il suono della campana di 300 kg, che ieri sera siamo riusciti a porre sul campanile. Si, è una bella storia quella di questa campana. Purtroppo in Italia, si chiudono anche le Chiese, si vendono quelle più povere che non hanno una grande storia da trasformarle in un museo. E così avvenne alcuni anni fa nel nord Italia. Dei miei confratelli sono riusciti a recuperare una campana, e lo scorso anno la trovai in un magazzino piena di polvere. Chiesi se me la potevano dare; “portala via subito, perché qui occupa solo posto e non sappiamo cosa farne”, mi risposero… Un mese dopo era già sul container, pronta per salpare da Genova verso la Costa d’Avorio. Con l’aiuto della mia Gente, in meno di un mese ho realizzato il campanile, alto circa 15 metri. Da oggi, la campana con il suo bel suono, convoca la gente sparsa per la grande periferia di Bonoua. Tutti sono contenti e felici di sentire il suo suono, che riempie questi grandi spazi.

In questi giorni ho festeggiato i miei 80 anni di vita. A festeggiarmi c’erano anche alcuni soci dell’Associazione Solidarietà Missionaria di Borgo San Lorenzo, che da ben 39 anni sostengono la mia Missione; saranno loro stessi a inviare questa mia lettera e già da adesso li ringrazio. Vivo in una comunità dove siamo in 8, tra sacerdoti e due seminaristi. Tutti molto più giovani di me. Abbiamo una bella Parrocchia e serviamo una dozzina di villaggi della foresta. In mezzo a loro mi sento un… patriarca. Sono sacerdoti in gamba e che lavorano con entusiasmo. Io mi interesso di questa Chiesa che ho costruito qualche anno fa e accanto abbiamo creato delle strutture di accoglienza, portato l’elettricità e fatto un pozzo per l’acqua da distribuire alla gente di zona. Attualmente mi do da fare per costruire un gruppo scolastico, dall’asilo alle lauree brevi. Abbiamo iniziato i lavori per fare l’asilo, poi seguiranno le elementari, le medie, i licei e le università; questo sarebbe il mio sogno! Abbiamo avuto un aiuto per l’Asilo dall’8×1000 della Conferenza Episcopale Italiana, che è l’organismo che più aiuta il terzo mondo.

Il prossimo anno la Chiesa dove sto lavorando sarà dichiarata “Parrocchia”. La grande Parrocchia di Bonoua, dove ho lavorato per ben 22 anni e che aveva ben 73 villaggi, ora è stata suddivisa in 8 Parrocchie. Quindi, ringraziando Dio, la Chiesa cresce in numero di fedeli e in profondità di fede ed ha un gran numero di vocazioni. Presto anche da noi termina l’anno scolastico e possiamo ringraziare Dio e tanti Amici come Voi, che avete permesso a più di 700 ragazzi di frequentare la Scuola.

Il progetto sanitario Ippocrate va benissimo ed è un semplice e utile mezzo con cui si aiuta tanta gente che abita nei lontani e sperduti villaggi della foresta.

A voi, carissimi Amici che da 39 anni mi aiutate in questa Terra di Missione, e grazie al vostro aiuto moltissimo si è fatto, vorrei mandare i miei auguri di buona Pasqua. Questa Settimana Santa sarà bellissima e piena di spirituali soddisfazioni e verrà tantissima gente ad accostarsi al Signore. La notte di Pasqua avremo circa 70 adulti che riceveranno il Battesimo, la Prima Comunione e molto regolarizzeranno il loro matrimonio religioso.

Comunicando tutto questo con gioia e soddisfazione, a tutti Voi, ai Vostri cari, faccio tanti auguri per una serena e Santa Pasqua. Don Pasquale Poggiali”.

Aldo Giovannini


Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

Un commento

  1. gilberto ha detto:

    don Pasquale ha farsi un mazzo come un cestone da 40 anni in Costa d’Avorio; a Borgo alla stazione 5 ivoriano a bighellonare da due anni. Va vene lo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA