Grande successo al Corsini: strepitosa Rita Pelusio in “Urlando Furiosa”

Massimiliano Miniati

Grande successo al Corsini: strepitosa Rita Pelusio in “Urlando Furiosa”

Grande successo al Corsini: strepitosa Rita Pelusio in “Urlando Furiosa”
27/03/2019

Grande successo domenica 24 marzo per “Urlando Furiosa”, un poema etico con Rita Pelusio, testo di Domenico Ferrari, Maria Luisa Assi, Riccardo Pippa, Rita Pelusio e regiadi Riccardo Pippa.

In questo nuovissimo spettacolo Rita Pelusio è Urlando, un’anima bambina che non vuole smettere di urlareÈ un’idea nella testa della scrittrice che urlando si sente una paladina, Urlando sogna. Urlando è un clown sfacciato, idealista e innocente. Urlando è rabbia, Urlando esplora un sentimento primario che è motore delle scelte umane e della storia.

Cerca di trasmettere alla testa le idee geniali per uno spettacolo che dovrebbe nascere, e parla di tutto, di politica, di femminicidio giocando con le parole in stile Bergonzoni.

Urlando è un’idea combattente, non importa se la scrivono in “Arial” o in “Times new roman” l’importante è che l’idea prenda corpo e che la scrittrice non usi le virgolette.

Appollaiata su un enorme chiodo Rita Pelusio è fantastica in questo spettacolo che l’ha vista tornare al Corsini dopo i successi di “Ferite a morte”, “Eva diario di una costola” e delle regie di “Troppe arie” del Trio Trioche, “Tragicomic Heroes” e “Frog”.

Il pubblico ride soddisfatto della comicità mai banale, mai ripetitiva di questo “One girl show” come non lo definirebbe mai lei odiando sia le parole in inglese che usiamo continuamente sia le virgolette che ho messo di proposito, racconta di re e cavalieri che hanno la faccia dei nostri politici, e cerca di costituire un esercito di anziani e volontari.

rpt

Rita è eccezionale, forte di una simpatia naturale che strega il pubblico fin dall’inizio di questa pièce (ho usato il francese, va bene?) eccezionale, stilisticamente e visivamente perfetta che ha fatto divertire tutti.

Massimiliano Miniati


Attore e scrittore. Cura la rubrica di cultura e spettacoli per il settimanale Il Galletto.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Commenta

ARTICOLI DELLA STESSA CATEGORIA