Da una lettera in redazione abbiamo approfondito un caso

Regola o coscienza? Il caso del tampone fuori lista a Vicchio

Noi riportiamo entrambe le campane. Poi ognuno potrà valutare la situazione

Attualità
visibility1995 - venerdì 06 novembre 2020
di Redazione
Più informazioni su
Scelta
Scelta © N.c.

Il rapporto con i lettori per noi di OK!Mugello è fondamentale. Per questo oggi, quando abbiamo ricevuto la lettera di una lettrice di Barberino, madre di due figli abbiamo dedicato molta attenzione al caso che ci ha esposto, e dedicato buona parte del pomeriggio a verificarlo. La sua denuncia era basata sul fatto che al punto drive through di Vicchio sono state accettate persone senza prenotazione, mentre lei, che appunto ha seguito la regole e le procedure, ha dovuto fare a Borgo il tampone molecolare (non quello rapido che viene eseguito a Vicchio).

Quindi la signora poneva un quesito a OK!Mugello: ossia se questo comportamento da parte degli infermieri che prestano servizio al presidio di Vicchio, e che hanno deciso di effettuare quel tampone, non sia, al di là del disagio, una ingiustizia. Quando invece, lei riflette, le regole dovrebbero essere uguali per tutti.

La nostra redazione ha parlato quindi con gli infermieri interessati. Che ci hanno spiegato di aver preso quella decisione secondo coscienza, in base a motivazioni sanitarie legate alla fase straordinaria che stiamo vivendo. Ci hanno detto anche che il bambino accettato fuori lista aveva comunque richiesta medica ed appuntamento in altra struttura. E che per che per vari motivi sanitari (che non sta a noi giudicare) hanno ritenuto opportuno eseguire il tampone a Vicchio contestualmente a quello della sorellina, che invece era lì con l'appuntamento.

Noi rispettiamo la professionalità di questi infermieri. E, dato il loro lavoro prezioso, non mettiamo in dubbio lo sforzo immane che stanno compiendo in questo periodo di notevole pressione. Ci limitiamo quindi a fare il nostro lavoro. Ossia informare senza giudicare, dando voce a tutte le campane. Certo però c'è da sperare che questi casi non creino pericolosi precedenti...

Lascia il tuo commento
commenti