Il saluto ad un mugellano morto in Ecuador. Ricordo di Aldo Giovannini

Attualità
visibility2926 - giovedì 01 ottobre 2020
di Aldo Giovannini
Più informazioni su
Alessandro Mirandola
Alessandro Mirandola © Aldo Giovannini

La notizia dell’improvvisa scomparsa lo scorso martedì 29 settembre 2020 di Alessandro Mirandola, nativo di Borgo San Lorenzo, nella città di Quito in Ecuador dove risiedeva da oltre 20 anni, ha destato una mesta curiosità in tanti borghigiani, ed altrettanto dolore ai suoi familiari ed ai diversi amici che nel tempo, prima di trasferirsi in Sud America, aveva lasciato nel paese natio.

E’ stato un evento inatteso e solo pochi giorni prima la sorella Letizia (moglie del geometra Giovanni Cipriani, abitante in Malacoda), gli aveva parlato, e niente faceva presagire una fine così imminente. Invece è stato colpito da infarto il giorno prima della morte, e le cure prestate non sono state sufficienti per salvarlo.

L'Ecuador – ci diceva la cara Letizia - è una nazione dove la pandemia del coranavirus dilaga senza controllo e le strutture sanitarie non sono all'altezza di quelle nostre. Aveva una grande paura del virus, ma tutto sommato si riteneva al sicuro; dato che era a casa a causa della chiusura di tutte le attività. Purtroppo questa sua precauzione non è servita a niente. In molte occasioni Alessandro aveva affermato che forse in Italia non sarebbe più rientrato, e quindi la tumulazione della salma avverrà a Quito, rispettando il suo desiderio.

Riposa in pace in terre lontane caro Alessandro. Dalle colonne di OK!Mugello, siamo vicini a Letizia, Giovanni, alla nipote e alle pronipoti e gli altri congiunti, ed a tutti coloro che ancora ricordano con affetto questo borghigiano, inviando le nostre più sentite ed affettuose condoglianze.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • FELSINEO1 ha scritto il 01 ottobre 2020 alle 19:05 :

    GRANDE ALDO COME SEMPRE NEL RICORDARE BORGHIGIANI CHE SE NE VANNO. Rispondi a FELSINEO1

    Aldo Giovannini ha scritto il 02 ottobre 2020 alle 16:22 :

    GRAZIE TANTE. SE SI FINISCE DI RICORDARE COLORO CHE SCOMPAIANO, ( E TANTI COLLEGHI NON SPENDONO NEMMENO UN RIGO), VUOL DIRE SEPPELLIRE PER SEMPRE UNA VITA DI STORIA VISSUTA. PURTROPPO L'APPIATTIMENTO UMANO E' ORMAI ALLE PORTE. GIOVANNINI Rispondi a Aldo Giovannini