'E' il momento della coesione'. La dirigente Rita Trocino scrive alle famiglie in vista del rientro

E aggiunge: 'Le polemiche fanno solo male alla scuola tutta'

Attualità
visibility1445 - venerdì 31 luglio 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Rita Trocino
Rita Trocino © OK!Mugello

La lettera alla scuola e alle famiglie della dirigente dell'Istituto Comprensivo di Borgo, Rita Trocino: Salve a tutti, queste righe sono rivolte a tutta la popolazione scolastica di Borgo San Lorenzo e alle loro famiglie; non è un bilancio, vuole essere una rappresentazione di quanto una comunità possa andare avanti e prosperare in cultura e conoscenza. La chiusura per la pandemia ha creato sconcerto e credo che sia importante che tutte le famiglie sappiano come stiamo lavorando in vista dell’apertura del mese di settembre.

In primis voglio ringraziare tutti coloro che stanno operando per rendere possibile il rientro a scuola con la sicurezza necessaria per tutti: dai piccoli agli adulti. A breve scioglieremo gli ultimi dubbi sulla nostra offerta formativa che non diminuirà assolutamente, poiché grazie al prezioso lavoro dello staff e delle responsabili di plesso si sta provvedendo a sistemare i banchi nelle aule, con i nostri collaboratori scolastici. Tutta la comunità educante sta andando verso un’unica direzione: l’apertura a settembre impegnandosi a non modificare assolutamente la nostra offerta formativa. Un ringraziamento particolare va anche alla commissione nata all’interno del consiglio d’istituto che si è validamente impegnata nel formulare la sua proposta. Il mio auspicio è che tutte le famiglie siano consapevoli di quanto non sia stato assolutamente facile non ridurre l’offerta formativa, coscienti come siamo del valore educativo della scuola, ma abbiamo profuso impegno affinchè ciò fosse possibile, anche corroborati dal confronto con i genitori del consiglio d’istituto che hanno portato la voce delle famiglie all’interno dell’organo collegiale.

Non dimentichiamo che siamo una scuola complessa e sparsa sul territorio…ben 12 plessi! L’organizzazione di circa 200 docenti e 1600 alunni è cosa da “maneggiare con cura”, essere sempre disposta all’ascolto di tutti sia genitori che docenti non è semplice, , ma non mi sono mai sottratta al confronto, pur se scomodo, anche se è compito della sottoscritta fare la sintesi, ossia decidere. Confronto e collaborazione con tutti gli attori che oggi più che mai sono chiamati a risolvere i problemi senza cogliere spunti per polemiche che fanno solo male alla scuola tutta. A tal proposito, sono perfettamente cosciente che alcuni plessi sono impegnati da lavori e con l’ente locale lavoriamo insieme per ridurre al minimo i disagi che potranno scaturire dagli stessi, ma ognuno deve fare la propria parte: alla sottoscritta tocca il compito di gestire le risorse fornite; il comune fa la sua parte manutenendo e rifacendo le scuole. Siamo tutti consapevoli che ci saranno dei disagi, ma stiamo lavorando per ridurli al minimo. E’ il momento della coesione e il nostro faro deve essere quello di assicurare l’organizzazione delle risorse al meglio in ambienti nuovi. I tecnici e tutti gli uffici del comune preposti stanno lavorando alacremente e in sinergia con la scuola per rendere possibile il rientro, Le sinergie e la cooperazione sono necessarie per un lavoro proficuo nei confronti di tutta la comunità alla quale dobbiamo trasparenza ed efficienza.

Lascia il tuo commento
commenti