Ieri la cerimonia per l'eccidio di Crespino. La cronaca di Aldo Giovannini

Attualità
visibility318 - lunedì 20 luglio 2020
di Aldo Giovannini
Più informazioni su
Pamoranica del Monumento attiguo al Lamone  durante la cerimonia rievocativa.
Pamoranica del Monumento attiguo al Lamone durante la cerimonia rievocativa. © Aldo Giovannini

Brevemente per ricordare, dopo l’ampio articolo di presentazione (del 14 luglio 2020), che domenica scorsa (19 luglio 2020), si è svolta a Crespino sul Lamone (la ridente frazione alpestre in comune di Marradi sui tornanti del Passo della Colla), la cerimonia rievocativa in onore e in ricordo dei 44 poveretti che furono massacrati in quel territorio dai tedeschi, per una rappresaglia dopo che i partigiani locali avevano ucciso quattro tedeschi in ritirata.

Le autorità competenti, i sindaci del Mugello e dell’Alto Mugello, o i loro rappresentanti, con fascia tricolore, il comune di Firenze e la Regione con i loro gonfaloni (un comune se ne era…. dimenticato - !! - e la cerimonia è iniziata in ritardo), le Associazioni Combattentistiche e d’Arma (Carabinieri in congedo e vari gruppi alpini), l’Associazione delle Vittime Civili di Firenze, la Confraternita di Misericordia di Marradi, con in testa la Banda Musicale di Popolano, si sono portati in corteo nel luogo dove è eretto il Mausoleo dove riposano i martiri innocentemente uccisi. Qui si è svolta la cerimonia ufficiale con l’alzabandiera, gli interventi dei vari oratori, la Santa Messa al campo e l’onore della corona all’interno del mausoleo.

Vogliamo ringraziare il Comitato OnorCaduti di Crespino, presieduto dal parroco don Bruno Malavolti, per questo loro nobile impegno affinchè il ricordo non si affievolisca.

(Foto A. Giovannini)

Lascia il tuo commento
commenti