Covid liberi tutti? Quei ciclisti indisciplinati arrivati in Mugello

Lettera aperta e denuncia del Consigliere Comunale 5 Stelle Marco Giovannini

Attualità
visibility4137 - lunedì 11 maggio 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Ciclisti. Foto di repertorio
Ciclisti. Foto di repertorio © StockSnap

Un gruppo di ciclisti giunti, a quanto pare, da fuori Mugello, senza rispettare le distanze e senza protezioni. E' giusto? Marco Giovannini chiede più controlli: Vorrei portarvi a conoscenza di un fatto avvenuto questa domenica mattina (10 maggio ndr) sulla strada provinciale nella località di Sagginale che purtroppo non è un evento isolato.

Dal momento che la situazione lo consente, ho deciso di fare un giro in bicicletta provvisto di dispositivi di protezione. Durante il tragitto, mi sono imbattuto in un folto gruppo di ciclisti che viaggiavano senza protezioni l’uno vicino all’altro. Quando ho fatto notare gentilmente che questo tipo di assembramento non è consentito, mi sono sentito rispondere in malo modo. Ho per di più scoperto che queste persone provenivano dalla provincia di Prato e dall’area metropolitana di Firenze dai loro sponsor che avevano sulle maglie. La loro risposta, in poche parole, è stata espressione di un totale disinteresse nei confronti delle disposizioni del DPCM, norme che, in un momento grave come questo, servono alla tutela della salute di tutti i cittadini e il loro rispetto è necessario non solo per la propria salute, ma anche per quella altrui.

Pertanto chiedo che l’amministrazione locale ponga maggiore attenzione per evitare che eventi spiacevoli di questo tipo si ripetano. Il Sindaco è già intervenuto prontamente per invitare i suoi concittadini al rispetto delle norme, sia in materia di spostamento sia riguardo l’utilizzo della mascherina, arrivando a prendere posizioni forti e decise anche a proposito della sanzione inflitta ad un’anziana signora transitata nel parco della Misericordia un mese fa violando il decreti.

Sarebbe necessario che un tale zelo fosse indirizzato anche a prevedere sanzioni per comportamenti scorretti come quello sopra citato. I borghigiani vogliono sentirsi protetti anche dagli atteggiamenti negligenti di chi proviene da zone fuori dal Mugello. Si tratta come ho già detto di un episodio tutt’altro che occasionale: situazioni di questo tipo sono osservabili quotidianamente in più zone del territorio mugellano e ritengo dunque che sia doveroso un pronto intervento.


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Paolo ha scritto il 11 maggio 2020 alle 11:20 :

    Stesso atteggiamento che hanno quando gli chiedi di stare da un lato e non di viaggiare in coppia... Rispondi a Paolo

  • Guglielmo Braccesi ha scritto il 11 maggio 2020 alle 08:23 :

    Bravo Marco, sono d'accordo!! Però oltre ai dispositivi di protezione individuale (mascherina e guanti), mettiti anche il casco per andare in bici 😉 Rispondi a Guglielmo Braccesi

  • patrizio ha scritto il 11 maggio 2020 alle 06:25 :

    Che squallore... ma non se ne rendono conto quelli del 5stelle che fare una lettera del genere denota pochezza? se vai a giro caro consigliere sei un semplice cittadino come tutti noi, levati lo stemma. poi se sei da solo in bicicletta a fare un giro non serve che indossi la mascherina, fa male mentre pedali. Si nota dal tono dalla lettera la mancanza di ossigenazione. Sei quasi meglio di Martina ( con uno sguardo riusciva a capire l'età di un clandestino)...tu riesci dagli sponsor a risalire alla residenza addirttura. Poi leccata al sindaco " già intervenuto prontamentearrivando a sanzione ad un’anziana signora che attraversando il parco violava i decreti". Assembramento viene dal periodo fascista caro consigliere stellato. Voi non siete il cambiamento siete il cambiaVENTO Rispondi a patrizio

    Nedo ha scritto il 13 maggio 2020 alle 10:21 :

    Eh ma come, il VERO problema di questo paese da un paio di mesi sono diventati gli sportivi.. Maledetti diffusori di virus, e pure asintomatici! Rispondi a Nedo