Nuovi test sierologici: Perché il Mugello escluso? Interrogazione Lega

Interrogazione presentata dai consiglieri metropolitani della Lega nel Centrodestra Scipioni e La Grassa su Mugello e Valdarno

Attualità
visibility1691 - mercoledì 01 aprile 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Analisi sangue
Analisi sangue © Antonio Corigliano

"Noi siamo sempre stati sostenitori del fatto che gli abitanti dei piccoli centri debbano avere le stesse possibilità, gli stessi servizi e la stessa attenzione da parte delle istituzioni di quelli delle città più grandi. Non possiamo pensare che importanti zone della provincia di Firenze, non rientrino nel piano di attuazione di gran numero di test sierologici. I mugellani ed i cittadini del Valdarno dobbono essere assolutamente tutelati, ed i test vanno effettuati anche nei loro comuni. Anche e soprattutto perché si sono verificati numerosi casi in queste zone e non devono poter diventare focolaio contagio, perché si è sottovalutata la loro importanza": lo dichiarano congiuntamente i consiglieri metropolitani leghisti del gruppo Centrodestra per il cambiamento Alessandro Scipioni e Filippo La Grassa.

E spiegano: Dal 1 aprile la start-up fiorentina CupSolidale.it renderà prenotabile tramite il proprio portale online, anche ai privati cittadini e a un prezzo calmierato il test sierologico rapido in grado di evidenziare se si è contratto il Coronavirus.

L'obiettivo è "quello di individuare gli asintomatici positivi per isolarli e per indirizzarli ad una diagnostica di secondo livello". Il servizio però non viene effettuato a domicilio in tutta la provincia e ciò ha suscitato le rimostranze di Elisa Tozzi, capogruppo di Reggello Domani ed esponente della Lega.

"Apprendiamo che in Provincia di Firenze su iniziativa della Regione è stata avviata la sperimentazione con i test sierologici. Spiace però vedere che nell’elenco dei Comuni presso cui é possibile fare il test a domicilio non sono compresi i territori del Valdarno e del Mugello, benché si tratti di zone in cui sono presenti presidi ospedalieri e ad alta densità di popolazione.Crediamo invece che in questo momento sarebbe stato importante garantire a tutti i cittadini della Provincia questo servizio e non solo in alcune zone, anche e soprattutto per evitare spostamenti ed uscite dalla propria abitazione. Facciamo appello ai Sindaci-termina Tozzi- affinché si facciano portavoce con la Regione delle istanze dei territori valdarnese e mugellano per estendere il servizio anche ai cittadini residenti in queste zone della provincia"

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Emanuele Maria Alessi ha scritto il 02 aprile 2020 alle 19:05 :

    Concordo pienamente. Basta con i cittadini di serie A e quelli di serie...C. Rispondi a Emanuele Maria Alessi