Non solo Covid. Pubblicato il progetto per l'eolico Villore Corella. 60 giorni per osservazioni

Attualità
visibility870 - giovedì 26 marzo 2020
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Eolico Villore
Eolico Villore © N.c.

In questi giorni, come comprensibile, non si fa che parlare di coronavirus e di paura del contagio da Covid-19. La vita, però, va avanti; e con questa anche i tempi della burocrazia. Nei primi giorni di marzo, infatti, è stato pubblicato dalla Regione Toscana il progetto per la realizzazione dell’impianto eolico sul giogo di Villore, sui crinali tra Vicchio e Dicomano; e con questa pubblicazione sono scattati (attenzione) i 60 giorni a disposizione di cittadini e comitati per presentare le loro osservazioni. Spiega la Regione: la documentazione presentata dal proponente sarà resa accessibile al pubblico nella sezione "Consultazioni in corso" della presente pagina web e sarà pubblicato un avviso al pubblico relativo al procedimento. Dalla data di pubblicazione dell'avviso, decorreranno i 60 giorni entro i quali il pubblico potrà presentare le proprie osservazioni). Secondo quanto ricostruito dalla redazione questa data dovrebbe essere il 10 marzo (dalla quale decorreranno i giorni per le osservazioni). E poi appunto nella sezione Consultazioni:

D.Lgs. 152/2006 art. 27-bis, L.R. 10/2010 art. 73-bis, D.P.G.R. 19/R/2017 CAPO II bis. Procedimento finalizzato al rilascio del provvedimento autorizzatorio unico regionale relativamente al “Progetto di un nuovo impianto eolico denominato Monte Giogo di Villore”, ubicato in località Monte Giogo di Villore nel Comune di Vicchio (FI) e in località Monte Giogo di Corella nel Comune di Dicomano (FI), con opere accessorie ubicate in località Pruneta nel Comune di San Godenzo (FI) e in località Contea nel Comune di Rufina (FI) e con lavori interessanti anche i Comuni di Barberino del Mugello (FI) e Scarperia e San Piero (FI).

Un lettore ci informa inoltre che il progetto:

E’ stato depositato anche nei comuni interessati: "Copia della documentazione è, alla data odierna, a disposizione del pubblico per la consultazione, negli orari di apertura degli Uffici, presso: - Regione Toscana, Settore VIA-VAS-Opere pubbliche di interesse strategico regionale, Piazza dell'Unità Italiana 1, 50123 Firenze; - Comune di Vicchio (FI); - Comune di Dicomano (FI); - Comune di San Godenzo (FI); - Comune di Rufina (FI); - Barberino del Mugello (FI); - Scarperia e San Piero (FI). La documentazione depositata, fatti salvi eventuali dati coperti da segreto industriale o riservati, è inoltre pubblicata sul sito web della Regioni

Clicca qui per scaricare tutta la documentazione necessaria dal sito internet della Regione Toscana


Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Annette Seipp ha scritto il 26 marzo 2020 alle 19:47 :

    Mi pare più che cinico e fuori ogni etica di proporre adesso al pubblico la consultazione dell'progetto negli orari di apertura degli uffici,capisco che il riferente"lettore" più o meno informato ..preferisci l'anonimità. .. È obbligatorio la pubblicazione delle osservazioni da parte dell' pubblico online sul sito web della regione via Pec ,fax o lettera classica.Abbastanza inaccessibile per persone più ansiane per quanto riguarda la visibilità del progetto e per tutti x l'epidemia attuale...mentre altri si ne aproffitano e non solo così.Complimenti! Rispondi a Annette Seipp

  • maurizio gori ha scritto il 26 marzo 2020 alle 15:36 :

    Il periodo di 60 giorni per le osservazioni iniziano il 23 marzo e scadono il 22 Maggio bisogna aggiungere a tale data i giorni previsti dall'art. 103 del D.L. 17/03/2020 - n. 18 - Decreto "Cura Italia" e ulteriori proroghe che sopraggiungeranno. Rispondi a maurizio gori

  • Maurizio Ballerini ha scritto il 26 marzo 2020 alle 12:09 :

    Ma con tutti i problemi ci sono ora devono pensare a quelle cavolo di pale ma andate a f...... Rispondi a Maurizio Ballerini

    Luca VItali ha scritto il 27 marzo 2020 alle 07:48 :

    Caro Maurizio Ballerini, invece è proprio ora il momento di pensarci, in 60 giorni ci avranno pensato gli altri (cioè l'AGSM), e le pale ce le costruiranno. Tra l'altro, se la situazione dell'emergenza attuale si è creata, è grazie a una certa mentalità che crede ciecamente nella tecnica e nel progresso incondizionato, e non si preoccupa delle conseguenze di ciò che costruisce. Il sonno della ragione genera mostri, diceva un pittore tanti anni fa. Ti suggerisco anche la lettura di un bel libro, sicuramente difficile ma illuminante, il romanzo Homo Faber, di Friedrich Duerrenmatt, Feltrinelli. Sono proprio le reazioni come le tue che mi fanno arrabbiare: per questo sono così pedante, perché non vogliono vedere la gravità della situazione e le sue vere cause. Rispondi a Luca VItali