Il Mugello & il rischio sismico. Serve una nuova Greta?

Parliamone, di domenica

Attualità
visibility7647 - domenica 20 ottobre 2019
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Greta Thunberg
Greta Thunberg © N.c.

Oggi (sabato 19 ottobre) OK!Mugello ospita la riflessione del suo collaboratore (ed esperto di meteo) Alberto Agresti, che ha rielaborato un articolo apparso sul sito Meteoweb, che parla di cambiamenti climatici e rischio sismico. Una provocazione ed un paragone piuttosto originali, che però rilanciamo per cementare una matura consapevolezza del rischio insito nel nostro territorio. Anche se, dobbiamo dire, molto negli ultimi anni è stato fatto in termini di miglioramento ed adeguamento sismico degli edifici. Ma ecco quanto scrive Agresti citando Meteoweb:

I cambiamenti climatici sono attuali e dobbiamo prenderne atto, ma in Italia e in Mugello, a destare maggior attenzione sono i terremoti. Voi lettori, cosa ne pensate? Diteci la vostra.

Tutti a gridare “Al lupo! Al lupo!“. Tutti terrorizzati da questi terribili e non ben definiti cambiamenti climatici che ci distruggeranno, ci spazzeranno via dalla faccia della Terra e ci porteranno verso l’Apocalisse.

Ma sarà davvero così? A quanto dicono gli esperti, no. O meglio, i cambiamenti climatici esistono, sono reali, concreti e bisogna fronteggiarli attraverso azioni e politiche volte a salvaguardare l’ambiente, ma non c’è alcuna imminente catastrofe ambientale.
Dovremo ‘solo’ imparare a convivere con temperature leggermente diverse e fenomeni meteo sempre più estremi. Le conseguenze non saranno poche, non saranno indolori, ma l’umanità non si estinguerà. Almeno per ora.

Allo stesso tempo, in Italia e non solo, corriamo un altro grande pericolo, quello sì molto più concreto, reale e che, realisticamente, potrebbe presentarsi domani, tra una settimana, tra un anno, tra un minuto: il terremoto. Se qualcuno in questo momento sta facendo scongiuri vari ed eventuali, dopo aver letto la frase precedente, sappia che rientra così, a pieno titolo, tra gli ignoranti che non hanno compreso quanto sia importante sapere, essere consapevoli e pronti a mettere in salvo la propria pelle.

Perché il terremoto torna, e lo sappiamo tutti. Da anni sismologi, geologi e altri esperti del settore si stanno ‘sgolando’ per cercare di far capire ai nostri politici che è assolutamente necessario fare qualcosa per edifici pubblici e non, perché non siamo strutturalmente pronti ad un evento forte e importante. Eppure nessuno manifesta per questo.

Non credono agli esperti, ma se poi arriva la Greta di turno e dice cose ovvie e lampanti a mezzo mondo, allora a quel punto tutti apriranno gli occhi.

Un po’ com’è accaduto con i cambiamenti climatici: prima i giornali che ne parlavano venivano additati come sensazionalistici e catastrofisti; poi è arrivata la ragazzina del Fridays for future e tutti dietro come un buon gregge. A questo punto non ci resta che sperare in qualche ragazzina italiana, che magari si renda conto del pericolo che corriamo per via della sismicità nel nostro Paese e decida di manifestare. Anche lei con dietro il suo gregge. Così magari capiremo ciò che gli esperti ci stanno dicendo da anni: dobbiamo prevenire e avere case e scuole pronte ad affrontare ogni evenienza.

Rielaborazione: Agresti Alberto.
FONTE: Meteoweb
Lascia il tuo commento
commenti