Rossi e Forteto. 5 Stelle: 'Forse l'afa gli ha dato alla testa'

Attualità
visibility1321 - martedì 13 agosto 2019
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Rossi e Forteto. 5 Stelle: 'Forse l'afa gli ha dato alla testa'
Rossi e Forteto. 5 Stelle: 'Forse l'afa gli ha dato alla testa' © n.c.

Con una nota caustica i 5 stelle esprimono solidarietà al commissario Marzetti e attaccano il governatore Rossi per la sua marcia indietro:

Solidarietà al Commissario Jacopo Marzetti dopo il clamoroso autogol del governatore Enrico Rossi

Chi abbia letto su OK Mugello del 9 agosto scorso l'esauriente, puntuale, rigorosa ricostruzione della vicenda giudiziaria dei rapporti della cooperativa “Il Forteto” con con la Regione toscana fornita dall'Associazione “Vittime del Forteto”, si sarà reso conto che la richiesta di cinque milioni di risarcimento per danno d'immagine avanzata dal governatore Rossi è stata un clamoroso autogol. Infatti lo stesso governatore ha fatto subito marcia indietro.

Risulta evidente, dal documento citato sopra (redatto dall'avvocato Giovanni Marchese) che, in assenza di fondamenti giuridici alla richiesta dei 5 milioni (fra l'altro l'ammontare della cifra risarcitoria lo stabilisce un giudice e non certo il governatore), l'uscita agostana del governatore era sostanzialmente fasulla, in quanto la Regione Toscana

a) si era costituita parte civile solo contro gli imputati e non nei confronti della cooperativa “Il Forteto”;

b) a partire dal 22 dicembre 2017, giorno della sentenza definitiva della Cassazione, avrebbe potuto intentare azioni civili contro i condannati, ma – benché sollecitata dall avvocato Marchese- non lo ha fatto. Dunque è stata una richiesta “imbarazzante, tardiva e senza fondamento”.

C'è da chiedersi allora se il governatore sia incompetente o se, volutamente, abbia cercato di intimidire, con la sua fragorosa iniziativa, il Commissario Jacopo Marzetti, scelto dal M5S Cinquestelle per risanare e rilanciare la cooperativa.

Marzetti ha lavorato molto bene, conseguendo ottimi risultati. Forse proprio questi risultati lusinghieri hanno messo in confusione, complice l'afa di agosto, l' ex esponente di Articolo Uno -Mdp, oggi di nuovo nel PD, e lo hanno indotto a fare una mossa sbagliata per la quale ha dovuto esporsi e, in un certo senso, chiedere scusa.

Pretende, tuttavia, una “risposta solenne e formale” dal suddetto Commissario per “essere pronti a soprassedere alla richiesta danni con atti formati e conseguenti”.

In sostanza: ha preso una solenne cantonata e vuole coinvolgere il Marzetti in una manovra di cui è rimasto vittima (non aveva consultato il suo avvocato prima di uscire allo scoperto con avventatezza?).

In realtà il Commissario non è tenuto a rispondere alcunché, visto che agli atti non risulta una richiesta risarcitoria della Regione toscana nei tempi previsti dai numerosi processi che si sono svolti nel corso di decenni.

Il tentativo, se c'è stato, di intimidire il commissario è miseramente fallito. Pessima figura del governatore Rossi e massima solidarietà a Jacopo Marzetti.

Alati Francesca, Andrea Bini,Viviana Rossi

Consiglieri M5S Scarperia e San Piero

Forse l'afa agostana gli ha dato alla testa. Si riposi, governatore!

M5S

Mugello

 

 

Lascia il tuo commento
commenti