Palazzuolo Viva. 'Il Comune non ha ancora eseguito la condanna per la bibliotecaria'

Attualità
visibility1438 - mercoledì 31 luglio 2019
di Redazione OK!Mugello
Più informazioni su
Palazzuolo Viva. 'Il Comune non ha ancora eseguito la condanna per la bibliotecaria'
Palazzuolo Viva. 'Il Comune non ha ancora eseguito la condanna per la bibliotecaria' © n.c.

Questo il testo dell'interrogazione presentata da Palazzuolo Viva:

I sottoscritti consiglieri: Giovanni Matteotti, Rodolfo Ridolfi e Cristano Talenti,

Premesso

che la signora Emma Greco aveva svolto le mansioni di bibliotecaria applicata alla Biblioteca Comunale di Palazzuolo Sul Senio dall’ anno 2008 fino al 31 dicembre 2016 sulla base di contratti stipulati con l’UNCEM Toscana titolare di una Convenzione con il Comune;

che a seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, qualificato formalmente come contratto di lavoro a progetto, ma svoltosi, per ben nove anni, come rapporto di lavoro continuativo,

l’Amministrazione Comunale, con delibera di Giunta n.3 del 31 gennaio 2017 e determinazione dirigenziale n.15, indisse una selezione pubblica per la formazione di una graduatoria per lo svolgimento del lavoro occasionale “Supporto attività biblioteca comunale e ufficio turistico”;

che il bando, in palese violazione dei principi generali vigenti in materia, dell’art.39 del Trattato dell’Unione EU e degli art. 3,16, 97 della Costituzione, che prevede l’accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni mediante concorsi ai quali possono partecipare i cittadini italiani senza limitazioni di residenza, escludeva i non residenti;

che il 14 giugno 2017 il TAR della Toscana accoglieva il ricorso della Signora Greco, annullava la graduatoria e condannava il Comune di Palazzuolo, che non si era neppure costituito in giudizio, al pagamento a favore della signora Emma Greco di 2.000 euro (duemila) oltre accessori di legge a titolo di spese di giudizio; chee ad oggi il Comune sembrerebbe non aver ottemperato agli oneri finanziari derivanti dalla condanna.

Interrogano il Sindaco

per conoscere se quanto riportato in premessa corrisponda a verità e del caso se non ritenga che il Comune dopo così tanti mesi di inadempienza debba provvedere.

 

Lascia il tuo commento
commenti