A Marradi arriva la 'pastasciutta antifascista' dei fratelli Cervi

Attualità
visibility2620 - venerdì 19 luglio 2019
di Nicola Di Renzone
Più informazioni su
A Marradi arriva la 'pastasciutta antifascista' dei fratelli Cervi
A Marradi arriva la 'pastasciutta antifascista' dei fratelli Cervi © n.c.

Anche a Marradi arriva la “ Pastasciutta Antifascista”. Spiega una nota che: Il Circolo ANPI di Marradi, di recente costituzione, ha voluto aderire alla rete della “ Pastasciutta Antifascista dei Fratelli Cervi”che tradizionalmente da più di 20 anni si festeggia il 25 luglio.

Questo per far conoscere e ricordare l'iniziativa della famiglia Cervi di Campegine, in provincia di Reggio Emilia, che, all'indomani della caduta del Governo Mussolini, offrì pastasciutta condita con burro e parmigiano a tutti i compaesani, per celebrare, come disse Alcide Cervi,” il più bel funerale del Fascismo”.

Iniziativa eroica e coraggiosa che la famiglia, mossa da profondi ideali libertari e democratici, avrebbe pagato a caro prezzo. Infatti i sette figli di Alcide Cervi e di Genoeffa Cocconi furono trucidati dai fascisti il 28 dicembre 1943 nel poligono di tiro di Reggio Emilia mentre i genitori furono lasciati in vita affinché patissero per il resto della loro esistenza per la crudele perdita dei figli.

L'iniziativa dell' ANPI, che si svolgerà a partire dalle ore 18 di giovedì 25 luglio presso il Circolo Tennis di Marradi, sarà introdotta da Filippo Catani che contestualizzerà storicamente l'evento e sarà seguita dalla presentazione del libro “ L'Eterno Studente. Vita del Prof. Renato Emaldi”, a cura dell' autore Gian Luigi Melandri.

E poi tutti a tavola con maccheroni alla pommarola, piadine fritte e cocomero, allietati dalle musiche e dai canti della Resistenza proposte dal “ Bella Ciao Trio”e da letture di testimonianze e ricordi della Resistenza.

Per il Circolo ANPI di Marradi Luisa Calderoni

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • luigi ha scritto il 19 luglio 2019 alle 21:09 :

    la pastasciutta fratelli Cervi. Che stupidit ricordare i morti con una scorpacciata. Rispondi a luigi

  • GILBERTO ha scritto il 19 luglio 2019 alle 21:06 :

    Denominare una pastasciutta ai 7 fratelli Cervi che furono uccisi dai tedeschi mi sembra fuori luogo, quasi vergognosa che denigra la festa e chi ha scritto il menu. Roba da pazzi! Rispondi a GILBERTO