La risposta del centrodestra alla legge sui migranti di Rossi

Attualità
visibility1352 - mercoledì 10 luglio 2019
di Eleonora Cortopassi
Più informazioni su
La risposta del centrodestra alla legge sui migranti di Rossi
La risposta del centrodestra alla legge sui migranti di Rossi © n.c.

Giampaolo Giannelli, responsabile di Forza Italia in Val di Sieve e capogruppo degli esponenti di centrodestra a Dicomano, ha diffuso un comunicato stampa in risposta alla legge promossa da Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, chiamata "Legge per la tutela dei bisogni essenziali della persona umana". Tale legge ha l'obiettivo di arginare il problema della gestione degli immigrati sul territorio, attraverso il coordinamento delle strutture pubbliche e private.

"Abbiamo promosso sul web una mobilitazione che sta avendo un riscontro positivo, mediante gruppi spontanei, contro la proposta di legge denominata in un primo momento prosaicamente Legge sui diritti samaritani che ieri è stata approvata in terza commissione consiliare e sarà al vaglio martedì 9 del plenum dell’assemblea regionale.

L’obiettivo – ha ribadito ieri l’assessore Vittorio Bugli – è garantire i bisogni essenziali anche di chi, a seguito del Decreto Sicurezza, rischia di rimanere senza assistenza. Questo ciò che dichiara Bugli; di fatto invece questa legge rischia di diventare solo l’ennesimo terreno di scontro politico tra la Toscana e il governo; visto che si vanno a garantire servizi anche ai clandestini. Il rischio, per la Toscana, è di trasformarsi in un enorme campo profughi.

La cosa intollerabile inoltre è che in un momento nel quale l’area della povertà assoluta in Toscana riguarda 53.000 famiglie e 119.000 persone, con una crescita della povertà su base familiare dal 2% (2008) al 3,2% (2015) il Governatore sembra pensare soltanto ai problemi degli immigrati.

I numeri di questa legge sono da capogiro; si tratterebbe di una spesa di quattro milioni di euro per associazioni, Comuni e realtà impegnate in accoglienza e assistenza

Tutto questo mentre la sanità toscana è al collasso (farmaci, numero di medici, O.S.S., infermieri, tecnici.) le prestazioni peggiorano, i tempi di attesa sono lunghissimi.

Giudichiamo intollerabile che in tale momento storico e in questa situazione così drammatica per la Toscana, venga promossa dal Governatore Rossi e approvata una legge con questi numeri e questi principi ispiratori; il web è in rivolta e stiamo promuovendo varie forme di mobilitazione contro questa legge, che chiaramente deve avere in primis una opposizione durissima da parte di tutte le forze che non fanno parte della maggioranza. In consiglio regionale.

Auspichiamo anche che martedì vi siano esponenti del PD che votino contro una legge regionale che (oltre ad essere ovviamente impugnata dal Governo davanti alla Corte Costituzionale nel caso venisse approvata) segnerebbe un punto di non ritorno nella politica regionale".

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Natalino ha scritto il 11 luglio 2019 alle 13:30 :

    C' chi vive tra le nuvole e chi nelle tasche e nella buonafede altrui. Non abbiamo fatto morire nessuno.... Prima Adesso in campagna elettorale si tira fuori la sanit Toscana. Ma fateci il piacere Andare a dare Ma lontano Rispondi a Natalino

  • maurizio ha scritto il 10 luglio 2019 alle 11:35 :

    Gilberto, aggiungi la Grecia!! Hahahahahaha Rispondi a maurizio

  • GILBERTO ha scritto il 10 luglio 2019 alle 09:11 :

    PER ME LA STORIA DEI MIGRANTI PER I QUELLI DEL CENTRO SINISTRA O ALMENO PER I COMUNISTI, E' DIVENTATA UNA OSSESSIONE, DOPO LE BATOSTE E LO SFACELO DELLE ULTIME TRE ELEZIONI POLITICHE E AMMINISTRATIVE!! Rispondi a GILBERTO

  • Giuseppe Casamassima ha scritto il 10 luglio 2019 alle 08:50 :

    Per me la storia dei migranti per quelli del centro destra - o almeno per quella parte costituita da nazifascisti - diventata una ossessione! Rispondi a Giuseppe Casamassima