Campana, "Il poeta che ha rispetto del silenzio". Premiazione 3°edizione Concorso Nazionale di Prosa Lirica

Attualità
visibility350 - giovedì 15 novembre 2018
di Marco Gerbi
Più informazioni su
Campana, Il poeta che ha rispetto del silenzio. Premiazione 3°edizione Concorso Nazionale di Prosa Lirica
Campana, Il poeta che ha rispetto del silenzio. Premiazione 3°edizione Concorso Nazionale di Prosa Lirica © n.c.

“Il poeta che ha rispetto del silenzio” è stato definito Campana dalla vincitrice della 3° edizione del Concorso Nazionale di Prosa Lirica"

Il salone delle feste di palazzo Bastogi, messo a disposizione dal presidente del Consiglio Regionale Toscano, ha fatto da sfondo con  tutto il suo splendore  alla cerimonia di premiazione della 3°edizione del Concorso Nazionale di prosa lirica, ideato  dal Centro Studi Campaniani e realizzato in collaborazione con l’Accademia Il Fauno  di Firenze  in occasione del 110° anniversario del viaggio in Argentina di Dino Campana.

Mirna Gentilini, presidente del Centro Studi  ha  rimarcato l’importanza delle attività svolte dall’Associazione per fare conoscere  ai giovani la vita e l’opera del poeta di Marradi. In particolare ha raccontato della collaborazione con l’Accademia Europea di Manga  che ha stampato e presentato a Lucca Comics il libro a fumetti “Il covo del drago” di Antonella Capolupo in cui il poeta di Marradi è un personaggo chiave del racconto.

Lamberto Lilli , presidente dell‘ Accademia Il Fauno, ha parlato della specificità del concorso  sottolineando che evidenzia una caratteristica dei Canti Orfici, poema di natura prosodica e della partecipazione alla gara da parte di  concorrenti da tutte le parti d ‘Italia ed uno anche dalla Francia.

Al saluto del sindaco di Marradi sono seguiti gli interessanti interventi dei membri della giuria:  Costanza Geddes di Filicaia  ha parlato su “Giro d’Italia in bicicletta” dal manoscritto Il più lungo giorno che fa di Campana il primo poeta ad avere cantato una gara sportiva,  Enrico Nistri  del viaggio in Sud America “ Ci andò o non ci andò” e Fiorenza Ceragioli dei rapporti di Campana con l’ambiente letterario fiorentino sui quali sta lavorando.

Il primo premio è stato assegnato a “Nedo”  di Tiziana Delsale di Novara  con la seguente motivazione:   la narrazione si snoda in una serie di figure quasi oniriche, dove la realtà immaginata si unisce alla verità, sull’affermazione per cui  “ la poesia è madre e si infila fra le sbarre delle prigioni, scivola sui muri dei manicomi e si distende fra le lenzuola foriere di pensieri tinti di passione”. La lettura è rapida ed avvincente quasi che della realtà onirica facciamo parte anche noi.

Oltre alla targa la vincitrice ha avuto il libretto con i testi delle 10 opere giunte in finale realizzato da Giuseppe Montani di Firenze, anche lui nella rosa dei premiati.

Sulle note delle Canzoni Orfiche cantate e suonate da Giacomo Panicucci e Marco Manetti del gruppo musicale “Il vento dell’altrove “ si è conclusa una giornata di alto livello culturale.

Interessante e significativa la riflessione della vincitrice che ha detto di amare Campana perché è il poeta che ha rispetto del silenzio “quel silenzio che ti porta alla riflessione e a non dire una parola di più, semmai una di meno. In tutta la sua opera  c’è questa ricerca, tanto che non si può sostituire una parola scelta da  lui, proprio non ci si riesce”.

 

Lascia il tuo commento
commenti