Il Teatro Corsini sceglie Don Milani come protagonista del suo Cartellone

Attualità
visibility265 - giovedì 26 ottobre 2017
di Laura Dall'Omo
Più informazioni su
Il Teatro Corsini sceglie Don Milani come protagonista del suo Cartellone
Il Teatro Corsini sceglie Don Milani come protagonista del suo Cartellone © n.c.

Dopo Dino Campana e Pier Paolo Pasolini, il Teatro Corsini sceglie Don Milani come protagonista del Progetto che farà da anteprima al Cartellone e che attraverserà l’intera stagione con lo spettacolo di Luigi d’Elia “Cammelli a Barbiana” in programma nel mese di marzo.

Così sabato 28 ottobre La Bottega degli Apocrifi di Manfredonia racconterà a modo suo la storia Don Milani partendo dalla fine: è il 1967 e Lorenzo Milani - il ricchissimo prete dalla vocazione improvvisa e tardiva che dal giorno della sua ordinazione non ha dato un attimo di tregua alla Curia fiorentina – ha già scelto i poveri, ha già creato la Scuola Popolare di San Donato, ha già accusato la Chiesa di schierarsi dalla parte dei padroni, ha già pagato queste accuse con l’esilio a Barbiana, e ha già fatto di quella cima inospitale della montagna il centro del mondo. Nel 1967 l’aspro sentiero che dalla piana attraversa il bosco e sale fino alla canonica dove Lorenzo fa scuola ai bambini montanari per 12 ore al giorno 365 giorni all’anno, è stato battuto talmente tante volte da somigliare quasi a una strada percorribile.

Il racconto scritto da Stefania Marrone e diretto da Cosimo Severo inizia da qui, quando Lorenzo è troppo malato per fare scuola a Barbiana e resta a Firenze a combattere una delle battaglie che più gli sta a cuore: far innamorare delle sue scelte l’agnostica, intellettuale e benestante Alice Weiss – sua madre - persuaderla che lui non avrebbe potuto fare altrimenti, convincerla (e forse convincersi?) che quello che è stato ha avuto un senso.

La regia di Cosimo Severo sintetizza in scene di fulminea efficacia l’ipocrisia dei vescovi ridotti a ombre da avanspettacolo, le polemiche intorno a scritti ritenuti eretici, il rapporto con gli adolescenti di Barbiana, ultimi tra gli ultimi, il fango con cui si tentò di offuscarne la memoria. E scava nell’intimo di due esseri che sanno far essere il loro personale emblematicamente politico ma nel senso alto del termine. Uno spettacolo che, con emozione, induce a riflettere e che, con il suo rigore e la sua sensibilità, crediamo possa essere tra i migliori omaggi possibili da rendere oggi a Milani.

Non solo uno spettacolo ma un percorso completo costruito attraverso incontri, laboratori e spettacoli, intorno a una figura di straordinaria attualità che ha lasciato parole che sembrano scritte domani: sono dettate da urgenze che il tempo non ha placato né disperso.

Informazioni

Catalyst Teatro Corsini 055 331449 – 055 841237

 

 

Lascia il tuo commento
commenti