Era un falso positivo quello che era emerso dallo screening a Barberino

Il risultato positivo non è stato confermato dal tampone molecolare. Quindi dallo screening della popolazione scolastica sono usciti zero positivi

Attualità
visibility1515 - mercoledì 13 ottobre 2021
di redazione
Più informazioni su
Covid e scuola
Covid e scuola © N.c.

Per fortuna il caso che era emerso dalla seconda giornata dello screening scolastico a Barberino di Mugello si è rivelato un falso positivo, non confermato dal test molecolare. Ecco infatti la spiegazione del Comune di Barberino di Mugello:

Si è conclusa nella giornata di Martedì 12 Ottobre la campagna di screening rivolta a studenti e personale scolastico del Comune di Barberino.

Il Comune di Barberino, in collaborazione con il Banco Fiorentino Credito Cooperativo Mugello-Impruneta-Signa, ha organizzato e finanziato questa campagna, offrendo a tutti i bambini e ragazzi che frequentano le scuole pubbliche e private del Comune, oltre che a tutto il personale scolastico, la possibilità di effettuare un test di screening Sars-Cov2 gratuito.

In totale sono stati effettuati 360 tamponi, da cui è risultato un solo tampone positivo; positività che tuttavìa non è stata confermata dopo l’effettuazione del test molecolare, come previsto per legge. Quindi il risultato dello screening è di zero tamponi positivi.

Considerati i circa 300 bambini e adulti tutt’ora coinvolti nei provvedimenti di quarantena che proprio in questi giorni stanno effettuando o effettueranno i test molecolari di “fine quarantena”, i beneficiari potenziali della campagna erano stimati in circa 1000 persone.

Innanzitutto vorrei ringraziare tutte le persone che hanno aderito alla campagna di screening, commenta il Sindaco di Barberino Giampiero Mongatti, si è trattato di un gesto di responsabilità e senso civico che abbiamo apprezzato davvero molto.

Come Amministrazione, continua Mongatti, abbiamo voluto fortemente dare avvìo a questo screening, consapevoli anche degli sforzi economici e di risorse che questa operazione avrebbe comportato. Credevamo infatti e crediamo tutt’ora che questo sia lo strumento giusto per dare un segnale importante alle famiglie ed allo stesso tempo utilissimo anche per fornire un dato significativo al nostro sistema sanitario, così impegnato a fronteggiare un’emergenza certamente senza precedenti.

Concludo ringraziando di cuore per la professionalità e la disponibilità che hanno dimostrato in queste lunghe giornate i partner che abbiamo coinvolto: l’Associazione di Pubblica Assistenza Maria Bouturlin; Farmapiana; l’Istituto Comprensivo di Barberino e la Confraternita di Misericordia di Barberino e il Banco Fiorentino Credito Cooperativo, confinanziatore insieme al Comune della campagna”.

Lascia il tuo commento
commenti