Vicchio. Slittano i lavori per eliminare il passaggio a livello

Sindaco e assessore spiegano: Servito più tempo per lo studio sulla sicurezza idraulica del torrente

Attualità
visibility441 - sabato 03 aprile 2021
di Redazione
Più informazioni su
Il passaggio a livello di Vicchio
Il passaggio a livello di Vicchio © OK!Mugello

L’annuncio è arrivato da Rfi, che afferma di aver illustrato in una recente riunione “alcune criticità incontrate per la creazione di soluzioni rispetto alla soppressione del passaggio a livello’ che richiederebbe ‘ulteriori approfondimenti’. E che quindi l’intervento non sarà tra i primi a partire (come invece quelli alle stazioni di Rufina e Contea-Londa previsti entro l’anno) tra quelli annunciati ancora 2017 dall’allora viceministro Riccardo Nencini.

Slittano quindi i lavori per la soppressione del passaggio a livello di Vicchio (sulla Sp 551) che tanti disagi (e lunghe attese) crea agli automobilisti; e che sarà sostituito da un sottopasso per la provinciale.

In particolare avrebbe richiesto tempo uno studio sulla sicurezza idraulica del torrente Muccione (attraversato da strada e ferrovia poco prima del punto dove sorgerà il sottopasso), del quale, spiega il sindaco Filippo Carlà Campa, si parlava fin dalla precedente amministrazione ma che non era mai stato eseguito. 

 E ora si sarebbero dovute aspettare le condizioni giuste per entrare con i mezzi meccanici e fare saggi sulle fondamenta dei ponti. Uno studio, afferma Bolognesi, che sta per essere consegnato (da indiscrezioni si apprende che sarà necessario un intervento da circa 300mila euro per il fiume, su un costo totale dell’opera intorno agli 8 milioni). 

Una doccia fredda per i cittadini che speravano di avere a breve una viabilità più scorrevole. L’assessore Alessandro Bolognesi spiega: “Servirà un tavolo tra Comune, ferrovie e Regione per affrontare la questione di Vicchio”.

Ma quali saranno allora i tempi? Difficile fare previsioni. E aggiunge: “Stiamo correndo per recuperare il tempo. La situazione è diventata insostenibile”.

 

Lascia il tuo commento
commenti