Associazionismo. Arci Firenze lancia: “Salva i Circoli. Fai la tua parte”

Manifesti e poster in città, due video, eventi Facebook e dal vivo per promuovere un Fondo di Mutuo Soccorso per le Case del Popolo e chiedere la riapertura dei luoghi di diffusione della cultura.

Attualità
visibility154 - mercoledì 17 marzo 2021
di Redazione
Più informazioni su
salviamo i circoli
salviamo i circoli © ufficio stampa

Parte la campagna “Salva i Circoli. Fai la tua parte”, lanciata da Arci Firenze per sostenere i 240 Circoli, Case del popolo e associazioni affiliate al Comitato fiorentino di Arci. I Circoli stanno affrontando uno dei momenti più difficili della loro storia. Da oltre un anno sono chiusi, eccetto poche settimane estive di apertura, e la situazione attuale mette a forte rischio il futuro di molte di queste importanti e storiche realtà che hanno bisogno di un aiuto.

La campagna lanciata da Arci Firenze si compone di varie azioni. Inizia oggi con la parte graficamultimediale e multisoggetto con l’affissione di poster e manifesti in tutta la città di Firenze e sui social media. Verranno quindi pubblicati due diversi video per sensibilizzare e promuovere il ruolo dei Circoli nelle nostre comunità (grazie alla collaborazione di Relaxo Studio e Stranementi creative agency) mentre sabato 20 marzo (alle 18:30) si svolgerà una diretta Facebook per raccontare la condizione dei circoli culturali, ancora costretti alla chiusura, per poi arrivare al 27 marzo, in concomitanza con la preannunciata riapertura dei teatri e dei cinema, con una mobilitazione per dimostrare che anche i Circoli, al momento esclusi dalle riaperture per gli eventi culturali, possono rispettare esattamente gli stessi protocolli che il governo prevede per i teatri, cinema e live club.

Correlata a questa campagna, Arci Firenze avvia la raccolta fondi per costituire un Fondo di Mutuo Soccorso. Il FMS sarà un fondo rotativo che rifacendosi alle radici solidaristiche e mutualistiche della storia dell’Arci servirà a garantire un credito autorganizzato e senza interessi per le proprie associazioni. Attraverso questo Fondo l’Arci di Firenze potrà quindi prestare alcune somme necessarie alla ripartenza dei propri Circoli o per poter sviluppare attività e iniziative. Chiunque potrà fare la sua parte e contribuire al FMS partecipando al crowdfunding sulla piattaforma produzionidalbasso.com (https://www.produzionidalbasso.com/project/salva-i-circoli-fai-la-tua-parte/)

“Le nostre attività culturali e ricreative sono ferme ormai da un anno – spiega Jacopo Forconi Presidente di Arci Firenze – le aperture di questa estate e le minime entrate concesse con l’asporto non bastano a coprire le spese, oltre 230 dei dipendenti delle nostre strutture sono in cassa integrazione e nonostante lo sforzo per operare nel completo rispetto di tutte le normative anti-contagio, viviamo da mesi delle insopportabili discriminazioni di trattamento rispetto agli esercizi commerciali e, tra qualche settimana, anche rispetto alla programmazione culturale dei Teatri e dei Cinema”.

“Eppure, nonostante tutte le difficoltà della pandemia – continua Jacopo Forconi - nel corso di tutto questo anno di lockdown molte delle nostre Case del Popolo si sono rese protagoniste di iniziative di solidarietà rappresentando spesso un punto di riferimento importante nelle proprie comunità. Oltre 200 volontarie e volontari hanno attivato servizi di spesa a domicilio, hanno contribuito alla distribuzione delle mascherine sul territorio, hanno organizzato l’acquisto e la consegna di pacchi alimentari e hanno attivato sportelli di supporto telefonico di varia natura, per questioni psicologiche, legali, di lavoro, di salute, tempo libero. Tutto questo attraverso l’autorganizzazione volontaria e sempre al servizio della comunità e del territorio”.

“Ecco perché questa campagna che lanciamo oggi – conclude il Presidente di Arci Firenze – vuole non solo creare un fondo di mutuo soccorso ma anche fare capire come con i Circoli chiusi le nostre città siano più povere. Di socialità e di solidarietà, di politica e cultura per tutte e tutti”.

 

 

Lascia il tuo commento
commenti