Edoardo, 18 anni, scrive alla Rsa: solidarietà e un saluto a Basilio Pompei

Alla Rsa Villa San Biagio di Dicomano sono giunte anche altre lettere. Tutte belle testimonianze di solidarietà

Attualità
visibility596 - mercoledì 13 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
La lettera del 18enne
La lettera del 18enne © N.c.

La Rsa Villa San Biagio di Dicomano ha reso note alcune delle lettere giunte in sostegno di Basilio Pompei (noto come nonno Basilio) che è stato oggetto nelle scorse settimane di una vergognosa campagna di odio sui social per aver ricevuto il vaccino all'età di 103 anni. 

Le lettere, che trovate in immagine qui sotto, sono arrivate da altri istituti e fondazioni, e da privati cittadini. Tra queste particolarmente toccante quella di Edoardo Pinzani, un ragazzo di 18 anni che abita a Ponte a Egola ma che è originario (come nonno Basilio) di Pontassieve. 

Racconta Edoardo della commozione provata quando suo nonno ha riconosciuto Basilio in un video, poi del rispetto dovuto alle persone anziane e ancora del desiderio di far arrivare a Basilio un saluto da parte di suo nonno.

Bravo Edoardo. E bravi anche gli estensosi delle lettere che trovate in questo articolo..

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Mugelli Giampiero ha scritto il 14 gennaio 2021 alle 13:11 :

    Sono nonno pure io, rispetto nonno Basilio sono un ragazzo avendo settanta tre anni rispetto a lui, ho sempre rispettato le persone anziane perché esse sono la storia. Da bambino passavo ore ad ascoltare le storie dei vecchi, storie che prendevano l'anima e quel nonno che le raccontava per me era un caro vecchietto: una persona a cui volevo bene. Nonno Basilio non sarà mai vecchio, sarà solo un nonno per tutti. Diventare nonni significa essere ricompensati con il più bel dono che esiste se non veniamo lasciati soli . Non abbiamo bisogno di niente, solo la solitudine ci fa paura. Cari giovani ricordatevi se vivrete pure voi diventerete nonni e anziani, all'ora capirete quanto è bella la terza età se non abbandonati in una RSA Rispondi a Mugelli Giampiero