Firenzuola saluta Alfredo Ferretti, storico autista ed alpino

I ricordi dell'ex sindaco Scarpelli e del sindaco Buti

Attualità
visibility776 - lunedì 04 gennaio 2021
di Redazione
Più informazioni su
Alfredo Ferretti (a destra nella foto) con l'ex sindaco Claudio Scarpelli
Alfredo Ferretti (a destra nella foto) con l'ex sindaco Claudio Scarpelli © N.c.

Si è spento Alfredo Ferretti, firenzuolino, conducente della Sita ed alpino. Gimpaolo Buti (sindaco di Firenzuola) lo ricorda così:

Con tanta tristezza salutiamo Alfredo Ferretti. Nonno dell'assessore Panzacchi; persona buona, onesta e corretta. Lo ricordo come conducente della Sita quando andavo a scuola, lo ricordo come alpino compagno del mio defunto padre, lo ricordo come grande uomo dall'animo gentile e dall'immensa disponibilità. Ciao Alfredo, fai buon viaggio. Ti porteremo sempre nel cuore .

L'ex sindaco Claudio Scarpelli invece così:

Per quelli della mia generazione sei stato colui che per anni, assieme a Ferruccio, Nepi, Boni e Livi, ci portavi a Firenze con la SITA, per lavoro, studio o divertimento.... non c’era nevicata che ti fermava!
Poi da “da grande”, sempre presente con la tua tromba a garantire solennità a tutte le manifestazioni ufficiali della nostra Comunità. Eri presente 12 anni fa alla mia prima uscita con la fascia tricolore e lo sei stato nel 2019 durante l’ultima.
Ciao Alfredo, grande uomo, grande persona, grande amico

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • atanasio kostis ha scritto il 05 gennaio 2021 alle 07:53 :

    Sono il trombettiere del Gruppo Alpini di Marradi , una quindicina di anni fa lo conobbi a Firenzuola ad un raduno e si complimentava con me per la potenza della mia tromba ,allora gli risposi che era solo un vantaggio dell'età e che mi sarei accontentato di arrivare alla sua veneranda e di suonare con tutto il cuore, Caro Ferretti vorrà dire che ci ritroveremo un giorno nel Paradiso di Cantore a suonare per tutti gli Alpini andati avanti il mio è un arrivederci non un addio. Saluti Alpini AKI Rispondi a atanasio kostis