OK!Mugello

Vicchio: partiti alla chetichella i lavori al Giogo di Villore. E' allarme ambientale?

Violata la sorgente del Solstretto. Perché i lavori non sono segnalati? Che ne sarà del raro gambero di fiume autoctono?

  • 1
  • 850
Il raro gambero Il raro gambero © OkNews24
Font +:
Stampa Commenta

Noi stiamo col gambero! Potrebbe essere un bello slogan per ambientalisti della penultima generazione (da non confondersi con quelli dell'ultima) ma il gambero, per l'esattezza il rarissimo Austropotamobius pallipes potrebbe essere l'emblema della grande preoccupazione che c'è in Mugello apprendendo che, alla chetichella sono partiti i lavori del tanto discusso mega impianto industriale eolico sul Giogo di Villore.

Noi stiamo col gambero perché di lui, abituato a vivere solo in ambienti intonsi e per questo sentinella dell'ecosistema che ha entusiasmato le ricercatrici dell'università di Firenze che lo hanno trovato classificato fra le specie più a rischio d'estinzione del pianeta al pari del panda gigante non s'interessa nessuno.

Noi stiamo col gambero perché ci poniamo delle semplici domande e amando la bellezza dei paesaggi e dei crinali mugellani chiediamo risposte.

  • Perché sono partiti lavori impattanti sul crinale senza nessuna segnalazione di cantiere e quindi mettendo a rischio i molti camminatori che specie di questa stagione percorrono l'area?
  • Perché si è violato la vena della sorgente del Solstretto (che ricordiamo alimenta l'acquedotto di Vicchio) per dei carotaggi?
  • Forse il preludio alle future trivellazioni che come è noto pescheranno acqua di sorgente risputando sul territorio veleni?
  • Chi è, e in che modalità ha autorizzato questi lavori, chi vigilerà su di essi dato che siamo in zona remota ad oltre mille metri d'altitudine?

Tante le domande sul tavolo a cui quelli del Comitato dei Crinali con un lungo documento si stanno facendo, ma non solo loro anche tutte le persone di buon senso che abbiano a cuore l'ambiente si stanno ponendo e rivolgono alle autorità competenti. E non solo per salvare il piccolo e raro gambero che vive nel Solstretto.

Per chiunque desideri approfondire il lungo documento diffuso dal Comitato è possibile scaricarlo qui.

LEGGI TUTTO IL DOCUMENTO

 

Lascia un commento
stai rispondendo a

Commenti 1
  • Giovanna

    Sindaci, assessori..... Tutti colpevoli di un apocalittico disastro ambientale...... Invecchierete....pure voi.... E alla vostra superbia si sostituirà debolezza e necessità di tendere le braccia verso l'altro.... Non avrete una gran bella reputazione a livello sociale per ciò che avrete fatto.....

    rispondi a Giovanna
    lun 17 luglio 2023 09:24