Pubblicità

I cari amici degli “Svarvolati Mugello – Vespa Club Mugello”, di Barberino erano davvero distrutti dalla fatica e dalla tensione accumulata durante tutta la giornata di domenica 8 ottobre 2017, affinché il raduno denominato “Mugello in Vespa”, che ha visto l’arrivo di oltre 250 vespisti da tutta Italia, potesse andare in porto nel migliore dei modi.

E così è stato, senza ombra di dubbio, in tutte le sue sfaccettature. Dobbiamo evidenziare che, conoscendo ormai da diversi anni gli amici di Svarvolati Mugello con in testa il suo presidente Adriano Martinelli Fagiani, la loro preparazione per questo tipo di manifestazioni è più che consolidata.
Anche in questa circostanza, nonostante l’arrivo all’ultimo momento di tanti altri vespisti che volevano partecipare all’evento, il tutto è andato a gonfie vele.

La cronaca ci racconta, che dopo il saluto di Carlotta Tai vice sindaco di Vicchio al microfono di Alfredo Billi, simpatico speaker, il lunghissimo e variopinto corteo, molto disciplinato – e questo lo dobbiamo dire – si è incamminato verso Dicomano e quindi a ritroso transitando dalla strada comunale che porta a Ponteavicchio, per prendere l’altra strada comunale, stretta ma bellissima, cha dal Cistio porta ad Arliano quindi davanti all’antichissima Pieve romanica di San Cresci e al bivio per Borgo San Lorenzo riprendendo la strada per Vicchio per giungere finalmente a Vespignano alla Casa di Giotto per rendere onore. Quando sono giunti nella patria di Giotto è stato uno spettacolo nello spettacolo; moltissimi si sono posizionati nei prati per poi riunirsi tutti davanti alla casa di Giotto, accolti dai dirigenti dell’Associazione “dalle terre di Giotto e dell’Angelico” con in testa il Vice Presidente Fabrizio Scheggi, per assistere alla semplice cerimonia di consegna da parte dell’artista mugellano Enrico Pazzagli, di un suo dipinto raffigurante simpaticamente Giotto in Vespa donata ad Adriano Martinelli Fagiani, presidente dell’Associazione “Svarvolati Mugellani-Vespa Club Mugello”. Dopo un aperitivo, il lungo corteo si è ricomposto per andare in un locale borghigiano, dove in piena allegria e tanta amicizia si sono riuniti intorno al desco, terminando una giornata davvero significativa fra sport, arte, cultura, paesaggio e ottimo cibo.
Sono rimasti tutti, dico tutti, contentissimi dandosi appuntamento per il prossimo raduno nella nostra terra che porteranno nel cuore e nella mente.

Piazza Vittoria a Vicchio invasa dalle Vespe convenute da tutta Italia per rendere omaggio a Giotto
Roberto Sartarelli e Paulina giunti in Vespa dal paese di Infernetto in provincia di Roma rendono omaggio a Giotto
L’amico Fabio Bedeschi, giunge a Vicchio al raduno delle Vespe con una…Lambretta!!
Passaggio dalla Balze di Dicomano (I° particolare)
Ancora un passaggio dalle Balze di Dicomano (II° particolare). Il Bedeschi con la sua Lambretta è in terza posizione
L’arrivo davanti alla Chiesa di San Martino a Vespignano
Davanti alla casa di Giotto a Vespignano
La stradina verso Vespignano invasa dalle Vespe
Il pittore Enrico Pazzagli a destra consegna e dona il suo acquerello raffigurante Giotto che raggiunge Vespignano in sella ad una…. Vespa ad Adriano Martinelli Fagiani presidente dell’Associazione “Svarvolati Mugellani”
L’aperitivo sulla collina di Vespignano prima di raggiungere Borgo San Lorenzo dove è stato allestito il pranzo al Ristorante Gran Desio
Pubblicità
Condividi

Redattore . Nato a Borgo San Lorenzo nel 1940; giornalista fin dal 1954; autore di circa diecimila articoli di arte, storia, cultura, folclore, costume, sport, vita sociale, civile, religiosa, politica. Appassionato di storia del Mugello, ha dato alle stampe dodici volumi su Borgo San Lorenzo in particolare e sul Mugello in generale. Detiene in archivio 90 mila immagini, dal 1860, di tutto il territorio.

2 Commenti

Commenta l'articolo, scrivi qui!